Cerca

Coppa

Rosati e Nencione salvano la Monti Cimini. X con la CPC

Il big match dei trentaduesimi di finale termina 1-1. La qualificazione si deciderà nel match di ritorno

03 Ottobre 2018

Maurizio Nencione (©Del Gobbo)

Maurizio Nencione (©Del Gobbo)

COPPA DI PROMOZIONE - TRENTADUESIMI DI FINALE (Gara di andata)


COMPAGNIA PORTUALE - POL. MONTI CIMINI 1-1

COMPAGNIA PORTUALE Pancotto 6, Funari 6.5, Gallo 6.5, Bevilacqua 6.5, Gimmelli 6.5, Serpieri 6, Metta 5 (33’st Loiseaux sv), China 6.5, Tabarini 7 (43’st Loiseaux sv), Ruggiero 6, Delogu 6.5 (39’st Sansolini sv)

PANCHINA Di Rauso, Cherchi, Treccarichi, Converso, Cazzulani, Spanò ALLENATORE Caputo

POL.MONTI CIMINI Nencione 7, Balletti 6.5, Di Battista 6, Ergottino 7, Faina 6, Piergentili 7, Fazioli 6 (25’st Jonas sv), Mecarelli 5.5, Bey 5.5 (21’st Provinciali 6.5), Zhar 6, Fioretti 6 (21’st Rosati 7)

PANCHINA Pantaloni, Silvestri, Squarcetti, Medori, Nacioglu ALLENATORE Camillucci

MARCATORI Tabarini 8'st (CPC), Rosati 48'st (PMC)

ARBITRO Luigi Pica di Roma 1

ASSISTENTI Davide Panatta e Bruno Dattilo entrambi sezione Roma 1

NOTE Ammoniti Gallo, Bevilacqua, Ergottino, Piergentili, Zhar Angoli 10 - 5 Rec. 1 pt - 4 st.



Maurizio Nencione (©Del Gobbo)

Un big match ai trentaduesimi di finale della Coppa Italia è una rarità; non siamo nei professionisti dove sussistono i paletti con le teste di serie ma, nei dilettanti dove, almeno nei primi turni, viene instillato il criterio della vicinanza chilometrica nel sorteggio: tra Civitavecchia e Vignanello ballano un qualcosa come circa 80 chilometri però, qualche conto non quadra. Fatta questa doverosa premessa, è lecito entrare nei meandri della partitissima andata in scena a largo Martiri di via Fani: la prima parte del doppio confronto valido per i trentaduesimi di Coppa Italia tra Compagnia Portuale e Monti Cimini. Dopo la botta subita in campionato, Paolo Caputo che ha parlato di superficialità espressa dai suoi nel derby, ha optato per una lieve rotazione nell’undici titolare: dentro Pancotto, Serpieri e China dal primo minuto. Camillucci lascia in panca Provinciali (non al meglio) e Rosati, affidando il peso dell’attacco sulle spalle del classe 1999 Bey. Parte forte la Monti Cimini ma la prima vera occasione è per la Cpc al 15’ con Tabarini: nella circostanza Nencione interviene, sul sinistro del numero 9 locale, in maniera sontuosa. Al 41’ Piergentili stoppa in maniera maldestra, forse involontariamente col braccio sinistro, nella propria area di rigore: è calcio di rigore per Pica. Dal dischetto va Metta che incrocia col destro ma Nencione intuisce, respingendo la palla fuori dallo specchio della porta. Nella ripresa la compagine di patron Torroni ci prova con Zhar al 51’ ma la sua conclusione del talentuoso numero 10, pur potente, termina di poco alta sopra la traversa. Serve una super giocata di Tabarini al 53’ per schiodare il punteggio; l’attaccante romano penetra tra le maglie difensive giallonere, sposta la palla sul destro con una sterzata micidiale e, con un destro radente, batte Nencione sul primo palo. Camillucci a 25 minuti dalla fine getta nella mischia contemporaneamente sia Rosati che Piergentili, gioca a 3 dietro, sbilanciando in un colpo solo l’assetto della propria squadra con l’intento di impattare la contesa. La Polisportiva Monti Cimini assume l’atteggiamento giusto per trovare il pari, la Cpc arretra Il proprio baricentro: i rossi non riescono più a ripartire e soffrono pur non subendo conclusioni a rete. Al 92’ Serpieri esce palla al piede non spazza, favorendo una rimessa laterale in zona d’attacco per i viterbesi sugli sviluppi della quale Rosati viene pescato sui 15 metri in posizione centrale dentro l’area civitavecchiese: sinistro secco e palla all’angolino sulla sinistra dell’incolpevole Pancotto. 1-1 si deciderà tutto tra 14 giorni a Vignanello.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE