Cerca

la lettera

Aurelio Academy Roma, i primi 9 mesi del ds Roberto Ridolfi

Il dirigente del club amaranto racconta a 360 gradi con una lunga lettera la sua nuova esperienza al Don Calabria

14 Novembre 2018

Roberto Ridolfi

Roberto Ridolfi

Il direttore sportivo Roberto Ridolfi racconta, tramite la seguente lettera, questa prima parte di stagione di tutti i gruppi dell'Aurelio Academy Roma.

"Da marzo 2018 inizia la mia avventura come direttore sportivo all'Aurelio e ci sono entrato con l’idea di non accentrare tutto il lavoro su di me. L’Aurelio è una società importante e merita attenzione e rispetto, si è subito creato un gran bel gruppo di lavoro e ritengo di essere circondato da persone molto attente e passionali. Cito subito questa parola, “passione “: se non ce l’hai, non si va avanti nel calcio. Ci tengo a ringraziare in primis i miei collaboratori più stretti, tra cui Marco Madocci, e colgo l’occasione per fargli gli auguri di buon compleanno. Poi, il mio responsabile scouting Maurizio Nardinocchi e il direttore generale Alessandro Paparella. Si è creata molta sinergia tra noi, condividiamo molte idee e strategie. Penso di avere uno staff tecnico di primo ordine.

Roberto RidolfiPassando ai ragazzi, parto dagli Under 14 Fascia B Elite guidati da Paolo Fiocco. Questa è una squadra che gioca un buon calcio, in questo momento non stiamo raccogliendo molto ma le potenzialità del mister e dei calciatori mi rassicurano molto. Gli Under 14 Provinciali: anche qui vedo un lavoro molto molto funzionale del tecnico Gianfranco Vicario. L' obiettivo è quello di far crescere i ragazzi per la prossima stagione o promuovere in corsa chi dà segnali di crescita. Gli Under 15 Elite guidati dal giovane Manuel Pasqualini, ritengo questo gruppo un’eccellenza per metodologia e applicazione. Inizio non proprio esaltante, ma si comincia a intravedere una crescita. Veniamo da due risultati molto importanti e si sta lavorando per puntellare ancora di più la rosa per provare a scrivere una bella storia per questo campionato. Quello degli Under 16 Fascia B al momento è il nostro fiore all’occhiello: primi in classifica e guidati da Mario Costantini, voluto fortemente da me. Anche in questa categoria io e i miei collaboratori stiamo lavorando molto in sede di mercato per rinforzare ancora di più questa squadra e per continuare a vivere questo bel sogno, restando con i piedi a terra e sempre guardinghi alle mille insidie.

Passando ai 2002, questo è il gruppo che mi ha fatto un po’ penare nell'allestimento della rosa: al mio arrivo avevo solo a disposizione 3-4 giocatori. Pian pianino, passando l’intera estate tra telefono, ufficio e campo, siamo riusciti a mettere su una concreta compagine. Dico concreta perché è fatta di calciatori di cuore e carattere, proprio come piace a me, con delle miscele di qualità. Anche gli Under 17 sono stati affidati a Costantini, intuizione che fino adesso si sta rivelando fruttuosa. Quello degli Under 19 regionali è un ottimo gruppo. Da poco più di una settimana la squadra è stata affidata all’esperto Giorgio Verdiglione, questa compagine ha molta qualità ma i problemi di inizio stagione non ci danno la giusta collocazione nella classifica odierna del girone A. Ho guidato la squadra ad inizio campionato ma i molteplici impegni che ho ci hanno portato a decidere un cambio di allenatore. Sono sicuro che i ragazzi firmeranno un’ottima stagione. Colgo l’occasione per fare gli auguri di pronta guarigione al calciatore Andrea Indulgente, che sabato ha subito un brutto infortunio.

Uno dei campi del Don Calabria, sede dell'AurelioPer quanto riguarda la Promozione, il discorso cambia. Il ripescaggio saputo con ritardo non ci ha permesso di lavorare con i tempi giusti e ottimali per preparare al meglio la stagione, ma la caparbietà dell'allenatore Morelli e soprattutto la voglia pazza dei ragazzi per risalire ci fa ben sperare. L’Aurelio è in salute, personalmente mi ritengo molto soddisfatto del lavoro svolto fin qui. Ho un rapporto molto bello con tutti, cerco di stare attento a ogni sfumatura e ad ogni esigenza individuale di ogni singolo atleta, lavoro a 360 gradi per tutti i tesserati attraverso un confronto settimanale con staff tecnico e dirigenziale.Inoltre, c'è molta coesione tra genitori e società, con tanto spirito di appartenenza. Da quest’anno abbiamo inserito la figura del team manager Mario Marroni, proveniente dalla Lazio, il quale ha portato una professionalità che sta distribuendo su tutti i dirigenti delle varie categorie. Ritengo che sia un persona molto valida e seria e devo dire che questa linea guida adottata sta portando buoni risultati. Infone. voglio citare e ringraziare il nostro preparatore Emiliano Luciani, che non ha un nome conosciuto ma si parlerà molto presto di lui."

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE