Cerca

L'INTERVISTA

Città di Paliano, Russo: "Non svegliateci dal sogno"

Settima vittoria di fila per la squadra biancorossa, ora lanciata verso l'alta classifica, risultato inaspettato ad inizio anno

06 Febbraio 2019

Russo, Paliano @Facebook

Russo, Paliano @Facebook

Russo, Paliano @Facebook

Non si ferma più questo Paliano, vincitore delle ultime 7 partite di campionato ed attualmente secondo nel girone, a meno uno dal primo posto. Un risultato inaspettato ad inizio anno ma che, ora che è realtà, sta regalando un autentico sogno ad un paese intero. Merito, soprattutto, della grande gestione di mister Francesco Russo.


Ripartiamo dall'ultima giornata di campionato, vittoria esterna 2-1 sul campo dell'Hermada.

"E' stato un successo importante che ci regala una classifica importante. Non è stato facile: siamo rimasti in 10 dopo 10 minuti per un'espulsione dubbia, ma non ci siamo abbassati ed abbiamo mantenuto un assetto offensivo. Siamo riusciti ad andare sul doppio vantaggio nei primi 45' nonostante l'inferiorità numerica, poi nella ripresa, a parte il goal subito, abbiamo rischiato poco".


Sette vittorie di fila non sono poche. Come si spiegano? Preparazione mirata o fattore mentale?

"La squadra è giovane ed è la stessa di quest'Estate. E' stato fatto un lavoro certosino, anche grazie alla serietà degli atleti, guidati da un preparatore atletico eccezionale. La forma è clamorosa e questo è soprattutto frutto dell'impegno. Siamo partiti per salvarci, ma ora siamo lassù: ragioneremo gara dopo gara, affrontando ogni impegno con la massima tranquillità".


Il prossimo impegno è uno scontro diretto contro la terza in classifica, il Monte San Biagio.

"Per noi già che si parli di scontro diretto è un successo. Affronteremo la gara con serenità ma con voglia di vincere, spinti da un grande pubblico: il legame con la società e l'ambiente è forte, e penso sia un fattore importante".


Siete il secondo attacco più forte del campionato: merito del lavoro e dell'organizzazione o delle grandi individualità che avete lì davanti?

"La squadra ha chiari principi offensivi. All'inizio segnavamo tanto ma subivamo troppo. Ora abbiamo trovato la giusta quadratura, merito soprattutto dei ragazzi: sono bravi nel ragionare sempre in chiave offensiva e nel supportare/sopportare i 3 là davanti. E quei 3, fidatevi, che sono forti, parecchio forti..."

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE