Cerca

l'intervista

Pian Due Torri e la salvezza. Mastropietro "Prendiamocela"

Ai gialloblù basta un punto per restare in Promozione. L'attaccante si racconta in attesa di un ritorno in categorie a lui più vicine

08 Maggio 2019

Alan Mastropietro ©De Luca

Alan Mastropietro ©De Luca

Alan Mastropietro ©De Luca

Un professionista per il Pian Due Torri, i suoi gol e le sue preziose giocate ad effetto al servizio del quartiere da dove calcisticamente è partito ed ora, temporaneamente, è tornato. Alan Mastropietro ha inchiodato con una rete la Compagnia Portuale ad una resa inaspettata al Darra; al Pian Due Torri la vittoria sui civitavecchiesi non è bastata per la matematica salvezza ma siamo lì, ad un passo, meglio, ad un punto. Un punto che, la compagine gialloblù dovrà conquistare al Dante Vitali di Acquapendente contro una Vigor che,  alla classifica, non ha più niente da chiedere.“ Manca ancora un’ultimo sforzo e cercheremo di compierlo per poter festeggiare così un traguardo importante anche se, con un pizzico di buona sorte in più, saremmo stati salvi da un pezzo”. In effetti la compagine diretta da Andrea Ranaldi ha raccolto assai poco per quanto prodotto in campo: l’ex calciatore professionista ha un suo punto di vista in merito. "La squadra è prevalentemente giovane e poco avvezza alla frequentazione di una categoria così complessa: sicuramente potevamo dare tutti qualcosa in più ma di belle partite ne abbiamo giocate parecchie, questo ce lo hanno riconosciuto sempre anche i nostri avversari”. Mastropietro ha militato sempre tra i professionisti: la nascita di suo figlio lo ha spinto ad una rimpatriata calcistica tra amici, forse una sorta di anno sabbatico, in vista di un ritorno nel calcio che, sicuramente, a livello tecnico, più gli appartiene. “La Magliana è casa mia, giocando al Pian Due Torri ho l’opportunità di godermi da vicino mio figlio, al resto non penso ora. Credo di essermi adattato bene alla categoria anche se, in effetti, rispetto ai campionati professionistici, la Promozione è proprio un’altra cosa”. Alan non è consapevole di cosa gli riserverà il futuro ma nell’immediato è evidente che ha le idee ben chiare. “Domenica dobbiamo andare ad Acquapendente e cogliere il nostro obiettivo: l’importante è arrivare a dama: sono sicuro che ce la faremo, lo meritiamo perché al di là di ciò che si dice del Pian Due Torri, siamo un gruppo di brave persone che ama il calcio e cerca soltanto di onorare al massimo la maglia del proprio quartiere”

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE