Cerca

L'INTERVISTA

Fiano Romano, Antognetti: "Mettiamo i giovani al centro"

Il tecnico dei rossoblù parla del periodo dei suoi ragazzi svelando un piano societario ben preciso

11 Novembre 2019

Antognetti ©DeCesaris

Antognetti ©DeCesaris

Antognetti ©DeCesaris

Alla luce del primo dei tre tornanti del campionato, concluso con la decima giornata, la Prima Squadra del Fiano Romano può dirsi soddisfatta per quanto ottenuto fin qui. La quinta posizione, a soli due punti dal secondo gradino del podio, è infatti la dimostrazione che la squadra di Nicola Antognetti può fare a sportellate tra le big del pool per ritagliarsi una posizione privilegiata della classifica. Nonostante ciò il mister preferisce rimanere con i piedi per terra e afferma: “Sì, abbiamo messo in cascina vari punti, ma non vi nascondo un po' di rammarico. Potevamo sicuramente fare di più, infatti, anche perché lo meritavamo. Probabilmente non siamo una squadra costruita per vincere il campionato, è vero, però siamo giovani e, soprattutto, abbiamo trovato una buona amalgama nonostante fossimo tutti nuovi”. Ha dunque voluto rimarcare questo aspetto: “Ciò è indice del progetto societario, che è volto a scovare l'oro in casa formando i ragazzi nelle nostre giovanili. Ciò è evidente anche nello splendido rapporto che c'è tra me e Cardella, il mister che tanto bene sta facendo con la Juniores. Tra me e lui c'è un rapporto di dare e avere il quale porta a scambiarci idee e calciatori. I ragazzi sono molto contenti di fare questo sali-scendi tra Under19 e Promozione e lo vedono come una ghiotta opportunità di crescita personale e calcistica”. Un progetto solido e incentrato sui giovani dunque, che affonda le sue radici nei piani societari: “In questo la società ci dà una grande mano. Non ci fa mai mancare nulla infatti”. Ha infine voluto concludere con un commento sulla gara del prossimo weekend, quella fondamentale contro il Vicovaro: “Conosciamo bene la qualità dei nostri avversari, i quali nonostante non abbiano iniziato la stagione al top della forma, si può dire che abbiano trovato una buona continuità dopo il cambio in panchina. Domenica dovremo dare il massimo, come sempre, per portare a casa un bottino pieno che farebbe comodo. Contro giocatori come Neroni, Cecchini e Petrucci servirà questo e anche una piccola, sana vena di incoscienza che ci contraddistingue da inizio campionato”.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE

Dalle altre sezioni