Cerca

focus

Un giovane per il futuro: Bedini, freccia della Vigor Acquapendente

L'esterno classe 2002 si è imposto nella formazione di De Paolis e può diventare un elemento su cui puntare alla ripresa

28 Aprile 2020

Alessio Bedini (© Cippitelli)

Alessio Bedini (© Cippitelli)

Alessio Bedini (© Cippitelli)

La Vigor Acquapendente fa sicuramente parte delle deluse della stagione. La formazione prima affidata a Stefano Broccatelli e passata poi dopo l'alba del campionato nelle mani di David De Paolis, era designata come una delle principali pretendenti per il salto di categoria, dopo il quinto posto della passata stagione e la bella campagna acquisti fatta in estate, che ha portato in dote ai gialloblù un talento come Zhar, ex attaccante della Monti Cimini, con la quale aveva conquistato l'Eccellenza. Un inizio di campionato difficile per gli aquesiani, poi la svolta che è arrivata alla settima giornata, contro la CSL Soccer. In maniera  seppur difficoltosa arrivò la prima vittoria stagionale per la Vigor che è riuscita a coniare in un sol colpo qualità e concretezza. A spiccare in quell'occasione un giovane  gialloblù che il club dovrà provare a coccolarsi per poi far esplodere. Parliamo di Alessio Bedini, che ha iniziato la sua scalata nelle gerarchie proprio con la rete decisiva messa a segni con i civitavecchiesi. Talento classe 2002 che ha grande facilità di corsa e palleggio sull'esterno del campo. Può giocare su tutti e due i lati ma il fatto di avere delle prime donne là davanti non lo aiuta e quindi De Paolis è stato costretto (si fa per dire) a dirottarlo qualche metro più dietro. Bedini nasce infatti attaccante ed è stato prelevato dall'Under 17 dell'Etruria, società del circondario che sta imponendo il suo calcio a piccoli passi. Alessio nella sua carriera ha sempre garantito la doppia cifra nei campionati in cui si è trovato a giocare e, superando in più occasioni anche le 20 reti. Dopo il primo gol tra i grandi ne sono arrivati altri tre nel corso della stagione tutti racchiusi all'interno del girone d'andata (contro Bomarzo, Montalto e Canale Monterano) con  Bedini che è diventanto un punto fermo nell'undici gialloblù. Ora il campionato è fermo ed in attesa di una ripartenza più o meno lontana del tempo ogni società dovrà ragionare sui talenti che ha in casa. E la Vigor Acquapendente può ripartire sicuramente da un elemento come lui. 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE