Cerca

l'intervista

D'Aponte saluta Cerveteri "Meglio non potevamo fare"

Dopo un anno da direttore sportivo verdazzurro lascia il club. L'orizzonte nuovo potrebbe non essere così distante

28 Maggio 2020

Daniel D'Aponte

Daniel D'Aponte

Daniel D'Aponte

Largo ai giovani, si dice, ma un giovane che si sta già facendo largo e non soltanto da questa stagione c'è già. Daniel D'Aponte (da poco laureato in Economia Aziendale con 110, complimenti) sta seguendo una crescita verticale. Dopo l'ottimo lavoro alla CSL è approdato al Cerveteri ed i risultati sono sotto gli occhi di tutti. La sinergia con Fracassa ha funzionato a meraviglia, tant'è che, seppur con lo stop decretato a tavolino, la formazione ceretana ha chiuso al primo posto e può già immaginare il suo futuro in Eccellenza. Un primato nato in estate con scelte mirate. Adesso però è tempo di cambiare per il ds, che punta ancora più in alto, ma non per vanagloria, ma per migliorarsi "Ho scelto di salutare il Ceveteri per proseguire un mio percorso, abbiamo scelto insieme alla società di separarci. Non potevamo sicuramente fare di più sia con la prima squadra che con l'Under 19, altro gruppo del quale avevo la responsabilità. Siamo riusciti a chiudere comunque davanti al Fiumicino, vincendo anche lo scontro diretto in casa loro, con una squadra nella quale ho provato ad inserire le mie conoscenze insieme al mister. Nell'Under 19 avevamo 14 punti di vantaggio sul secondo posto, in quel caso per ottenere la vittoria del campionato serviva ormai solamente la matematica. Non potevamo e non potevo fare di più. Quindi ho scelto di andar via e di provare qualcos'altro. Porto dietro da questa esperienza dei ricordi splendidi e faccio i miei complimenti alla squadra per come si è comportata durante l'anno. Fantastici". Un  futuro che potrebbe portare D'Aponte qualche chilometro più a sud, cinque per l'esattezza, a Ladispoli "E' innegabile che ci siano stati dei contatti con il club, ma al momento non c'è nulla di definitivo. Nei prossimi giorni potrebbero esserci delle novità". Novità che si attendono anche sul piano della prossima stagione, con le proposte LND che D'Aponte commenta così "Credo che scegliere di far retrocedere le ultime quattro formazioni sia la mossa più semplice, quella su cui si è dovuto ragionare di meno, sicuramente mi trova poco d'accordo. Ci sono realtà che hanno uno scarto così minimo dalla salvezza che credo sia ingiusto farle retrocedere d'ufficio". 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE