Cerca

Focus

La cantera della De Rossi: un'evoluzione che prosegue

Il presidente Tomassini e il dirigente Belli commentano il lavoro svolto nelle giovanili in questi anni, che ha portato oggi ad avere numerosi talenti validi per la prima squadra

20 Luglio 2020

Uno dei giovani talenti del club

Uno dei giovani talenti del club

Uno dei giovani talenti del club

In questi giorni si sta definendo la “rosa” della Prima Squadra della Polisportiva De Rossi. Il patron Damiano Tomassini è molto felice che anche in questa stagione, che vedrà i rossoblu impegnati nel Campionato di Promozione, ci saranno tanti calciatori usciti dalla “cantera” di Via di Vigna Fabbri. “Sono tanti i ragazzi del quartiere nati e cresciuti calcisticamente nel De Rossi che sono in pianta stabile nella prima squadra”, dice orgoglioso Damiano Tomassini.  “Questo è frutto di una stretta collaborazione con il settore giovanile guidato dal Responsabile Tecnico Daniele Belli”. Ormai da diversi anni, anche grazie alla regola degli “under” la Polisportiva De Rossi riesce a far salire, debuttare e far giocare questi ragazzi che in tanti abitano nel quartiere Appio Latino e che hanno iniziato dalla scuola calcio passando poi per la trafila delle varie categorie giovanili. Un settore che ha vissuto specie negli ultimi anni una costante ascesa. Tutte le squadre si presenteranno ai nastri di partenza nelle Categorie Regionali e con gli Under 15 in Elite. “Siamo davvero felici del lavoro svolto, ci dice Daniele Belli, che cura la parte tecnica delle giovanili. Ci si confronta, si cresce, si mette a fattor comune esperienza, preparazione tecnica con un’assoluta attenzione ai valori dello sport e allo stile De Rossi. Crediamo fortemente infatti ad una crescita sportiva e tecnica ma sempre con una grande attenzione anche verso lo studio per puntare sempre al massimo: nel calcio, nella scuola, nella vita. Raccogliamo i frutti della Scuola Calcio di Mister Cipriani e seguitiamo a formarli in tutto il percorso nelle nostre squadre giovanili per offrire poi un’importante ribalta nella nostra prima squadra. Ogni anno ci diamo degli obiettivi di risultati e di comportamento, cercando di alzare sempre l’asticella delle prestazioni” conclude Belli.

Valorizzare la cantera.Il legame tra calcio giovanile e dilettante è uno degli aspetti di crescita personale proprio per il confronto con il calcio dei grandi. Essere un serbatoio per la prima squadra permette di chiudere così un cerchio che per tanti calciatori inizia in età giovanissima. E allora andiamo a conoscere meglio la cantera rossoblu, provando ad immaginare nel calcio d’estate un’intera prima squadra uscita tutta dal settore giovanile. È certamente un gioco d’estate ma la cantera rossoblu seguita ad essere il fiore all’occhiello della Polisportiva De Rossi. In porta Stefano Perone, difesa a tre con Riccardo Olivieri a sinistra e Emanuele Luttazzi a destra. Centrale Luca Nicolò. Davanti alla difesa Federico Bancone o Andrea Manca. Centrocampo di qualità con Leonardo Pontani, Luca Molinaro, Pietro Pellegrini, Valerio Angelucci, capitano e rigorista. Attacco agile e tecnico infine con Riccardo Sarra e Cristiano Tomassini autentico talento con un trascorso anche nella Roma, prima del ritorno in rossoblu.


Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE