Cerca

l'intervista

Atletico Pontinia, Roscioli frena "Ripartire quando ci saranno le condizioni"

Il presidente biancorosso non spinge per tornare in campo badando prima alla salute e agli interessi lavorativi d'ognuno

12 Gennaio 2021

Alberto Roscioli

Il presidente dell'Atletico Pontinia Alberto Roscioli

Non è un fautore del ritorno in campo a tutti i costi, questo dopo una riflessione personale su quanto accaduto in famiglia e ad amici. Il presidente dell' Atletico Pontinia, Alberto Roscioli vuole aspettare tempi migliori per riprendere a giocare a calcio, quando ci saranno le condizioni per poter vivere la passione sul campo senza restrizioni e paure generate da un virus che sembra difficile da arginare "In questi giorni ho fatto una riflessione e ritengo opportuno che per quest'anno con il calcio si possa mettere un punto, perché purtroppo abbiamo a che fare con una situazione invivibile. E' pesante vivere con questo pensiero addosso, perché anche se una persona non dovesse contrarre il virus c'è comunque un'enorme situazione di disagio intorno, legata agli affetti e alle professioni di ognuno di noi. Io per esempio, senza nessun contagiato in famiglia, ho dovuto vivere in quarantena con tutta la mia famiglia il periodo delle festività di Natale perché eravamo entrati in contatto con un soggetto positivo ed oltre a questo ho dovuto rinunciare ad impegni di lavoro. Ritornare a giocare è molto complesso ed anche la gestione dei più piccoli in questo momento è difficoltosa, perché per quanto un istruttore sia bravo e cerchi di far rispettare le regole per il distanziamento con gli allenamenti individuali si fa fatica ad arginare questi bambini che, giustamente, vogliono giocare tra di loro. Quindi mi rivolgo ai genitori dicendo loro di lasciarli a casa, almeno per un altro po', finché non si potrà di nuovo fare calcio come si deve. Il calcio è uno sport di gruppo e se manca questo aspetto non c'è più lo sport. Dobbiamo rinunciarci per un po', come dobbiamo rinunciare a tante cose superflue. Prima si sistema tutto e poi si riparte, senza pensieri e senza problemi, ora bisogna stare attenti. Come società non ci faremo trovare impreparati quando ci sarà il momento, stiamo lavorando per essere pronti". 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE