Cerca

l'intervista

BF Sport, Andrea Pezzotti "Mi godo la famiglia, per il calcio ci sarà tempo"

Il portierone dei gialloneri è molto dubbioso sul ritorno in campo per questa stagione e sposta l'attenzione ad altre priorità

04 Febbraio 2021

Andrea Pezzotti

Andrea Pezzotti, portiere della BF Sport

Dopo tanti anni al Cantalice ha deciso di tentare una nuova avventura con la maglia della BF Sport che ha deciso di puntare sul suo talento tra i pali. Andrea Pezzotti, nonostante il grande amore per il calcio, ha però sempre avuto un atteggiamento prudente nei confronti della ripresa e del ritorno in campo, sia durante il primo stop che in questo ultimo periodo. Un modo di pensare e di vivere tutta questa situazione che lo ha portato principalmente a pensare al bene della sua famiglia piuttosto che a come conquistare punti con i gialloneri. "Nei primi due mesi quando è iniziata questa stagione mi sono allenato poco o nulla perché volevo tutelare la mia famiglia e stare in santa pace. Ho pensato più a queste cose ed al lavoro piuttosto che al campo, anche se è stato difficile. Per chi gioca a calcio ed è appassionato è comunque un'operazione complicata riuscire a rinunciarci, perché è qualcosa che ti manca sempre, ma lo stop dei campionati lo sto vivendo in maniera positiva perché sono diventato papà ad ottobre e mi sto godendo in pieno la mia splendida bimba". Un ruolo particolare quello del portiere, perché rispetto alla restante parte del gruppo squadra necessita di forme di allenamento diverse e particolari. Una particolarità che Pezzotti descrive così "Sicuramente il portiere rispetto ad un qualsiasi giocatore ha più difficoltà di allenarsi in queste condizioni. Per forza di cose abbiamo bisogno di ritrovarci sul campo da gioco e questo ci penalizza molto nel mantenimento di una condizione sia fisica che tecnica". Un campo che, però, il portierone sabino ritornerà a calcare tra un po' di tempo come tutti i suoi compagni ed anche un cambio di formula per il campionato non sembra essere per lui una soluzione, che in testa ha l'idea di vivere di nuovo la sua passione quando le acque saranno meno agitate. "Tornare in campo ora come ora non credo che sia una scelta giusta e coerente con quello che tutto il paese sta vivendo. La pandemia sta continuando a condizionare la vita di tutti i giorni e questo ha anche delle ovvie ripercussioni nel calcio dilettantistico. Soprattutto in campionati come quello di Promozione ed Eccellenza, si gioca essenzialmente per divertirsi e per evadere e se non ci sono i fondi ed i mezzi per poter garantire la sicurezza di ognuno di noi e di conseguenza delle nostre famiglie credo sia meglio non forzare una ripresa dei campionati, ma rimandarla". Una decisione che va sicuramente in controtendenza rispetto a quella di suoi tanti colleghi, ma che va di certo a braccetto con il senso più puro del termine dilettantismo, ossia quello di vivere lo sport come un puro e semplice passatempo e non come un lavoro. Va detto però che il pensiero a quello che poteva essere Pezzotti lo ha sempre chiaro in mente "Per quanto riguarda la BF Sport quest'anno ha costruito una bella realtà ed una squadra sicuramente competitiva. Siamo partiti male nelle prime partite perché nel pieno della preparazione abbiamo saltato due settimane di lavoro a causa della quarantena preventiva. Ma sono sicuro che se il campionato fosse andato avanti ci saremmo tolti delle belle soddisfazioni". Al momento questa rimane solamente una sensazione, speriamo che quanto prima possa essere di nuovo realtà, chiaro segnale di un miglioramento della situazione per tutto il Paese e non solamente del calcio dilettantistico laziale.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE