Cerca

L'intervista

Una Sorianese pronta a sorprendere. Moreno Porta: "Siamo pronti a divertirci"

Il presidente cimino commenta gli ultimi sviluppi del team affidato a Cammillucci

10 Settembre 2021

Moreno Porta

Moreno Porta, presidente della Sorianese

L’aria che si respira allo stadio Comunale intitolato a Celso Perugini storico presidente rossoblu negli anni del dopoguerra, riporta con la mente al glorioso passato calcistico vissuto. Dopo alcuni anni di oblio, la Sorianese è tornata nel calcio che conta e lo ha fatto grazie a tutti coloro che operano amorevolmente nella quotidianità per il noto club cimino. Al vertice di questa piramide fruttuosa ed operativa c’è un ex calciatore che alla Sorianese ha dato tanto, indossando le scarpe chiodate e lottando per una maglia che ora difende e preserva, grazie alla carica di presidente che ricopre con devozione; parliamo di Moreno Porta un uomo di sport che col sorriso sulle labbra ci ha illustrato il nuovo corso su cui si basano le fondamenta riesumate di una Sorianese nuovamente tornata brand, nell’alto Lazio. "Stiamo provando a costruire un club solido -racconta Porta- attraverso il sacrificio e la competenza di chi tiene alle sorti di un sodalizio che ormai ha più di 70 anni". Si è partiti dallo stadio intanto e non è poco. "Direi di no -sorride il patron rossoblu- il restyling del manto erboso è avvenuto a fine febbraio per cui, considerando gli impegni ufficiali saltati a causa del Covid, è lecito affermare che la prima squadra nell’affrontare il Pianoscarano in Coppa tra meno di dieci giorni, sarà praticamente al debutto ufficiale sul suolo veramente spettacolare del Perugini. Avere una struttura che a breve sarà dotata di spogliatoi nuovi e all’avanguardia, rappresenta un grande vantaggio, assolutamente da sfruttare, per proseguire nel percorso di potenziamento del club". Si parla, o meglio si vocifera, di una prima squadra pronta anche a stazionare nei piani alti del prossimo girone A. "Presto per azzardare una confidenza del genere. Certo possiamo affermare che, con Cammillucci in panchina e una buona campagna acquisti portata avanti senza strafare ma ragionando attentamente su ogni nuovo profilo ora giunto alla Sorianese, crediamo di poterci intanto divertire". Un modo di pensare positivo ma volando al contempo basso quello del presidente che rende ancora più genuina e umile una società che grazie ai propri sani valori, attrae anche i calciatori diciamo più piccoli e le loro famiglie. "I numeri in esponenziale crescita che stiamo registrando nel settore giovanile ci consentono di pensare al futuro con rinnovato ottimismo. Lo stadio rimesso a nuovo, la prima squadra in ascesa, c’è sostanzialmente euforia a Soriano: ciò mi rende orgoglioso e fiero perché gli sforzi fatti per la mia personale squadra del cuore sono cosi ampiamente ripagati". Tradizione e innovazione a Soriano al Cimino: un connubio perfetto. "Direi proprio di sì -conclude Moreno Porta- c’è sempre stato grande senso di appartenenza verso la squadra di calcio qua al paese. Tornare su certi palcoscenici calcistici è stimolante e gratificante. Sono convinto che c’è ancora da poter migliorare: siamo motivati a farlo".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE