Cerca

l'evento

Il Valmontone si è presentato alla città: "Adesso facciamo parlare il campo"

Serata di gala per i giallorossi che domenica esordiranno nel loro primo impegno ufficiale contro l'Atletico Colleferro

17 Settembre 2021

Valmontone

Il Valmontone si è presentato a stampa e tifosi

A meno di tre giorni dall’esordio stagionale in Coppa, il Valmontone ha presentato la squadra, il suo staff tecnico e gli accompagnatori. A onorare l’evento anche una nutrita rappresentativa dell’amministrazione comunale capitanata dal Consigliere Delegato Pizzuti che ha voluto portare il suo 'in bocca al lupo' alla squadra prima di ricevere l’omaggio della nuova maglia ufficiale. Il responsabile della comunicazione del club giallorosso, ha presentato ed intervistato tutti i calciatori, poi lo staff tecnico del tecnico Aurelio Sarnino ed i dirigenti accompagnatori prima di lasciare l’ultima parola al patron Manolo Bucci ed al vice presidente Massimiliano Bellotti. Di seguito gli interventi dei giocatori più carismatici e rappresentativi a cominciare dal capitano Alessio Moroni che si appresta a disputare la sua diciassettesima stagione in maglia giallorossa: "Abbiamo una grande responsabilità, ce la prendiamo, ma abbiamo giocatori importanti e tutti insieme possiamo fare la forza. Sta nascendo lo spirito giusto, i compagni più bravi e esperti aiutano gli altri, sarà il campo a decidere chi starà meglio e chi giocherà". "Il ruolo di portiere è delicato e di responsabilità, ma lo facciamo con piacere" - ha esordito Alessandro Rovitelli, numero 1 confermato dalla precedente stagione - "Stiamo lavorando bene con i miei compagni di reparto, con il nostro preparatore Petruzzellis c’è un rapporto stupendo, per me è il migliore". "Abbiamo una rosa importante” - he esordito Emanuele Ansini, difensore centrale che fa parte del gruppo storico - "Non ci manca nulla, anzi, abbiamo anche qualcosa in più. Dobbiamo dimostrare il nostro valore a partire da domenica prossima". Tra i difensori due innesti di grandi qualità ed esperienza, uno, Piergiorgio Pizzuti, valmontonese doc, l’altro Cristian Romaggioli, reduce da stagioni vincenti con diverse maglie della provincia. "Ci stiamo integrando bene - ha esordito il primo - cercheremo di raggiungere l’obiettivo prefissato, ora dobbiamo far parlare il campo". Altro gran colpo di mercato è stato quello di Renato Lustrissimi, che va a rafforzare la mediana con esperienza e tanto fosforo. "Abbiamo un’organizzazione di altre categorie, questo è un fattore importante, ma non è detto che chi è più organizzato vinca sempre. La squadra è importante, dobbiamo fare il massimo, la società l’ha fatto, ora tocca a noi, spero che vada come debba andare". Il colpo di mercato più prestigioso è stato sicuramente quello di Yuri Fazi, bomber di razza, con un palmares di tutto rispetto, ma soprattutto valmontonese e molto legato alla sua città. "Cosa mi hanno chiesto? Facile, quello che mi hanno chiesto dalle altre parti, ovvero i gol. Spero di ripagare la fiducia accordatami dalla società, lo merita, per l’organizzazione che ha e perché non ci fa mancare nulla. Vincere non è facile, è sempre un insieme di tante componenti, ma siamo un buon gruppo, ci stiamo integrando bene, spero che già da domenica possiamo regalare tante soddisfazioni alla società e alla nostra gente che spero venga numerosa al campo". "Siamo tanto attaccanti, c’è molta concorrenza, ci giochiamo la maglia e parlerà il campo” - queste le parole del cannoniere Daniele Colaiori, già protagonista nelle precedenti stagioni giallorosse. L’ultimo giocatore presentato è stato Simone Matozzo, ultimo acquisto e ciliegina sulla torta di un mercato davvero esaltante. "Ho trovato persone serie e programmi importanti, cercheremo di ripagare con serietà e impegno affrontando tutto anche con divertimento. Ci sono altre squadre che hanno allestito rose importanti, ne vincerà una sola, saremo noi". Attese anche le parole del tecnico Aurelio Starnino, giovanissimo, ma molto stimato e apprezzato dalla società, ma anche dai suoi collaboratori e giocatori: "Innanzitutto ringrazio l’amministrazione comunale per essere venuta a portarci il proprio in bocca al lupo, per me è un motivo di orgoglio. Ho un gruppo importante, qualche giocatore è più grande di me, ma io credo che è molto semplice allenare un gruppo che si mette a disposizione ogni giorno. La pressione c’è, fa parte del gioco, dobbiamo partire subito bene, a cominciare dalla gara di domenica". Il saluto finale ai due massimi dirigenti, il patron Bucci ed il vice presidente Bellotti. "Innanzitutto ringrazio l’amministrazione comunale che è intervenuta a questo evento. Ringrazio tutti, sono orgoglioso dei miei ragazzi che ho ascoltato con piacere, ho visto che tutti hanno grande personalità che mi fa capire che abbiamo fatto le scelte giuste. Abbiamo voluto presentare anche le maglio ufficiali che hanno il logo del Palazzo Doria e ricordano il centenario del calcio a Valmontone. Spero che tutte le formazioni che la indosseranno la onorino in tutti i campi non solo con buoni risultati sportivi, ma anche con il giusto spirito culturale e sociale. Io ed il mio staff vogliamo onorare il nome di Valmontone oggi a livello provinciale, spero presto a livello regionale e magari tra qualche anno a livello regionale". "Manolo Bucci è il fantasista che deve far divertire e che deve dare qualcosa in più" - ha esordito il vice presidente Bellotti subito dopo aver omaggiato il patron con il dono della maglia numero 10 - "il 10 è il suo numero, perché ha messo qualcosa in più in questa società. Lo ringrazio per aver portato la sua professionalità e esperienza nella società che ho guidato fino allo scorso anno, di cui sono innamorato. In bocca al lupo alla squadra, ovviamente domenica si deve solo vincere".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE