Cerca

l'intervista

Emanuele Sbrega "Pronto a tutto per l'Atletico Acilia, i colori di una vita"

L'attaccante italo argentino ha realizzato una tripletta contro il Morandi, fondamentale per il successo biancorosso

20 Novembre 2021

Emanuele Sbrega

Emanuele Sbrega, attaccante dell'Atletico Acilia

Un successo pesantissimo quello ottenuto dall'Atletico Acilia domenica scorsa, con i biancorossi di Di Marco che hanno rifilato una cinquina all'Anco Marzio alla Rodolfo Morandi, diretta concorrente per la salvezza. A trascinare la formazione di via di Saponara al successo Emanuele Sbrega, attaccante italo-argentino, che ha firmato una tripletta. Classe 2003, ha poi vinto il nostro settimo sondaggio social.

Domenica hai segnato una tripletta ed hai di fatto condotto la squadra alla vittoria, che sensazione hai provato? "La sensazione è stata unica e stupenda, soprattutto averla segnata con questa maglia visto che è stata la mia prima squadra da piccolo, e poi segnarla in una partita così delicata per la classifica l'ha resa ancora più importante. Il merito della mia tripletta va soprattutto ai miei compagni di squadra, siamo un grande gruppo".

Sei un classe 2003 e quindi ti stai confrontando con questo campionato da poco: chi ti sta aiutando di più nell'inserirti tra i grandi? "Direi tutti, mi sono trovato subito bene, mi hanno accolto alla grande. Un grazie va di certo a mister Di Marco e mister Aiello che hanno creduto in me e alle mie qualità e poi voglio ringraziare anche i miei compagni che hanno fatto si che il mio inserimento fosse il più veloce e bello possibile".

Che aspettative hai da qui in avanti? C'è un giocatore a cui ti ispiri? "Le mie aspettative da qui in avanti si chiamano Atletico Acilia. Sono abituato a dare tutto per chi crede in me, e darò il massimo per centrare la salvezza il prima possibile. Ci sarà da combattere e io sono pronto a farlo. Mia madre si aspetterebbe che io dica un calciatore argentino come mio idolo visto che sono italo-argentino, ma penso che la deluderò (ride, ndr) visto che il mio idolo è Ibrahimovic".

Questa settimana il campionato sarà fermo e giocherete di mercoledì, pesa questo tipo di situazione? "No, non pesa. L'importante è farsi trovare pronti, non conta se si gioca la domenica o il mercoledì. Conta come si scende in campo e io lo faccio sempre per combattere e vincere".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE