Cerca

l'intervista

Canale Monterano, Paolessi a 360°: Oroni, le difficoltà, la risalita

I giallazzurri domenica hanno fermato l'Aurelianticaurelio e sembrano in ripresa. Il centrocampista analizza il campionato fin qui

22 Dicembre 2021

Alessandro Paolessi

Alessandro Paolessi, centrocampista del Canale Monterano (Foto ©Torrisi)

Guardando la classifica del girone A fa un certo effetto non vedere il Canale Monterano nelle posizioni di vertice, vista la composizione del gruppo giallazzurro che, se rimaniamo nell'ambito delle figurine, ha tutti i mezzi per potersela giocare con le grandi del raggruppamento. Ma un campionato non è fatto di nomi, bensì di circostanze e dettagli, che finora dalle parti del D'Aiuto (che non è più teatro delle gesta del Canale da un po', ndr) sono state abbastanza negative. A pagarne il prezzo è stato Alessandro Oroni, che ha scelto di dimettersi. "Quando le cose non vanno è il tecnico a pagare per tutti - esordisce Alessandro Paolessi - ma la colpa di quanto accaduto in questi primi mesi non è sua. In campo ci andiamo noi giocatori. Ha fatto un grande gesto compiendo un passo indietro. Domenica abbiamo disputato una grossa partita (la prima con Sperduti in panchina, ndr) tenendo testa ad una grossissima squadra che, secondo me, è la candidata principale per la vittoria del campionato. L'abbiamo interpretata bene e sono stati costretti a riprenderci due volte, finora invece avevamo sempre faticato. Quello che mi auguro è di riuscire a proseguire questa striscia positiva (4 punti in due gare) ed è quantomeno singolare che la nostra prima serie positiva si arrivata tra l'undicesima e la dodicesima giornata. Fino a questo punto della stagione è andato tutto abbastanza storto, abbiamo qualche attenuante ed io non sono uno che incolpa la sfortuna, quella te la attiri se fai male. Va detto però che c'è stata qualche difficoltà nella sede degli allenamenti e quindi per prepararsi nel migliore dei modi ogni settimana. E poi ci sono stati davvero dei casi sfortunati, come nel match contro la Fulgur: abbiamo colpito due pali ad inizio gara, poi alla prima occasione ci hanno fatto gol. E' capitato anche in altre occasioni e noi non siamo stati bravi nel reagire. Adesso, quindi, dobbiamo continuare a giocare come sappiamo e come abbiamo dimostrato domenica per uscire da questa situazione di classifica che è complicata e, per quanto il nostro gruppo sia valido, può diventare molto pericolosa. Credo che il Canale abbia le possibilità per infilare una serie di risultati e risollevarsi, ma dobbiamo stare attenti. Non conosco il Palidoro, ma dobbiamo batterlo per passare un Natale sereno". Infine, da giocatore d'esperienza, Paolessi commenta il suo girone. "Credo che sia un campionato molto livellato, con poche formazioni di spicco. Credo che l'Aurelianticaurelio sia la più forte di tutti, ma mi piacciono molto il Borgo, il Tolfa ed il Fregene". E chissà che con una rimonta quasi epica il Canale ad un certo punto non cambi l'ordine dei suoi scontri diretti, prima di puntare magari tutto sulla Coppa.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE