Cerca

l'intervista

Rodolfo Morandi, Cuomo: "Dobbiamo essere pretenziosi nei confronti di noi stessi"

Il tecnico dei lidensi fa il punto sulla stagione in corso che i suoi stanno vivendo nel campionato di Promozione

17 Febbraio 2022

Cuomo

Alessandro Cuomo

La rincorsa ad un piazzamento importante, da parte del Rodolfo Morandi nel campionato di Promozione girone C prosegue a gonfie vele. Il nuovo corso, sempre targato Alessandro Cuomo, ha avuto un forte rilancio, originato da un sostanziale restyling in seno alla rosa rossoblu anche se, parte del merito è da attribuire allo scheletro principale del gruppo: un gruppo già in precedenza forgiato da Cuomo stesso nel tempo: binomio vincente che ha dato origine a quella linfa vitale, necessaria per emergere in un contesto complesso come la Promozione laziale.

"Sì -ammette Alessandro Cuomo- i giocatori nuovi che sono giunti al Morandi per offrire il loro apporto anche in termini di esperienza, si sono calati perfettamente nella nostra realtà: hanno capito il nostro spirito, la nostra anima che è sentimentale, quasi romantica nei confronti di un club a cui siamo profondamente affezionati, noi della Vecchia Guardia. Logicamente chi già c’era, ha favorito l’integrazione con professionalità nel gruppo dei i così detti rinforzi: il mix che si è creato, ha così portato i suoi frutti". Dai bassifondi della classifica generale pertinente ad un girone che, il Palocco, sta dominando, il Morandi è risalito, ottenendo risultati prestigiosi in breve tempo, come la vittoria nel derby ad esempio, con la più quotata Pescatori, passando per altri successi, per finire con l’uno a zero inferto alla Virtus Ardea a via Amenduini, nell’ultimo turno di campionato disputato. "Certamente -prosegue il navigato allenatore dei lidensi- il nostro percorso ha vissuto sin qui delle fasi, si è contraddistinto per delle accelerazioni ma io non sono affatto appagato anzi, dalla mia squadra pretendo molto di più d’ora in avanti. Non stiamo esprimendo un calcio di buonissimo livello quando sono fermamente convinto che possiamo e, sopratutto, dobbiamo farlo". Le potenzialità complessiva al Rodolfo Morandi non mancano. L’input, da parte di mister Cuomo, è chiaro: vincere certo me anche convincere. "Assolutamente sì. Dobbiamo essere pretenziosi nei confronti di noi stessi: non accontentarci ma cercare di produrre una filosofia in campo, votata al successo, da ottenere tramite un atteggiamento sempre positivo e migliorativo". Ciò non significa montarsi la testa ne esprimere atteggiamenti di superiorità nei confronti degli avversari. Questo mai. Siamo gente umile in tutto ma non per questo dobbiamo volare bassi. La crescita passa anche attraverso l’ambizione di migliorare e piacersi, ma veramente. Dobbiamo essere un’identità unica che va a braccetto col municipio che anche noi nel calcio rappresentiamo: Ostia, versante Ponente: la nostra casa, la nostra vita poi, se vogliamo proprio dirla tutta".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE