Cerca

l'intervista

Palidoro, salvezza diretta possibile? Palluzzi: "Dovremo dare il 100%"

Il tecnico giallorosso, reduce da due successi consecutivi, analizza il rush finale del campionato

06 Maggio 2022

Vincenzo Palluzzi

Vincenzo Palluzzi, allenatore del Borgo Palidoro

Il Borgo Palidoro nel giro di pochi giorni ha incanalato due successi preziosi per la lotta alla salvezza, i ragazzi di Vincenzo Palluzzi hanno sconfitto in trasferta l’Athletic Soccer Academy e poi nel recupero infrasettimanale hanno avuto la meglio per 2-1 sul Ronciglione United: "Le vittorie ottenute danno sensazioni positive e mettono gioia. Per arrivare alla vittoria ci vuole sacrificio, noi continuiamo ad allenarci in maniera intensa. Con determinazione abbiamo trovato queste due vittorie che ci danno speranza per la salvezza" Il tecnico si sofferma sull’ultimo match vinto contro il Ronciglione: "Mi aspettavo una partita durissima e lo è stata. Il Ronciglione gioca un buon calcio e non è la stessa squadra che abbiamo trovata all’andata. Loro sono una buona squadra, allenata anche molto bene. I ragazzi sono stati bravi a rimanere compatti e concentrati per 90 minuti e sono orgoglioso" Il Borgo Palidoro è in piena lotta per la salvezza, Palluzzi dichiara quali sono gli obiettivi della squadra dividendoli per livelli: "Il primo obiettivo è rimanere agganciati per poter assicurarci i play out. Il secondo obiettivo è giocare i play out in casa. Il terzo obiettivo, che è difficilissimo, è la salvezza diretta. Per la salvezza diretta dovremmo vincere le ultime 4 partite, questo può diventare realtà se giochiamo al 100% come fatto con l’ASA e riusciamo ad essere umili e compatti come contro il Ronciglione. Anche gli episodi devono compensare il lavoro fatto, non siamo stati fortunati in alcuni episodi fino ad oggi" Palluzzi e il suo team andranno a caccia del terzo successo consecutivo nell’imminente sfida contro la Sorianese: "La Sorianese ha giocato sabato, noi invece abbiamo il peso di due partite intense sulle gambe. Siamo un po' stanchi e questo è un vantaggio per l’avversario. La Sorianese è una buonissima squadra con un grande allenatore che conosco, è un amico, abbiamo giocato spesso contro.  È uno degli avversari più difficili che incontreremo in questo mini torneo finale" Il tecnico prosegue facendo un punto sulla crescita individuale e collettiva del suo gruppo: "A livello collettivo è esemplare quello che hanno fatto a fine partita, un abbraccio di gruppo in cerchio. La squadra è veramente compatta, vinciamo e perdiamo tutti insieme. A livello individuale c’è stata una crescita di testa soprattutto da parte dei più giovani. Su tutti Orsi e Barison che ad oggi sono due pilastri del nostro centrocampo. Si è formato un gruppo granitico, sono molto soddisfatto di questo. La squadra si è sottoposta ad un severo allenamento per 3 mesi e forse questa è stata la chiave. I ragazzi hanno fatto autocritica e si sono donati completamente, c’è stata una svolta e i ragazzi ce l’avevano dentro bisognava solo fargliela uscire".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE