Cerca

l'intervista

Damiani confermato al Real San Basilio: quattro colpi già messi a segno

Il tecnico della promozione con 26 vittorie su 26 rimarrà al suo posto, con il ds Di Lillo che lo sta già accontentando

13 Giugno 2022

Davide Paradisi

Davide Paradisi, resta e rilancia (Foto ©D'Avino/Facebook Real San Basilio Official)

Il Real San Basilio ha scritto la storia. 26 partite, 26 vittorie: come loro nessuno mai. I ragazzi di Davide Paradisi sono stati semplicemente perfetti, dimostrandosi una macchina da guerra che ha monopolizzato il girone dal primo momento. Per un soffio non è arrivata la doppietta, con il Torrice unica squadra capace di sconfiggere la corazzata capitolina nell'andata della semifinale di Coppa (3-1), amministrando poi il vantaggio nella gara di ritorno. Resta questo l'unico rimpianto di una stagione fenomenale e che spalanca le porte della Promozione. "Siamo partiti con la consapevolezza del valore del gruppo, e l'obiettivo è stato sin da subito il salto di categoria - ha raccontato il tecnico -. Riuscirci in questo modo è ancora più bello, perché vincerle tutte non è mai facile; a livello calcistico e mentale. Non è scontato mantenere alta l'asticella quando già sai di aver conquistato il campionato. Ci eravamo messi in testa questo obiettivo e siamo riusciti ad ottenerlo. I complimenti vanno fatti in primis alla società, alla dirigenza ed al direttore. Ha costruito un gruppo fortissimo. Malgrado già lo fosse, lo ha ulteriormente rinforzato. La rosa era talmente di spessore che non abbiamo sentito la mancanza di nessuno, nonostante di giocatori ne avessimo persi per infortuni vari. Ma i veri fattori chiave sono l'amicizia tra questi ragazzi, che giocano insieme da anni, e il senso di appartenenza. Quando ci sono queste cause si ha un motivo in più per combattere". Una sola sconfitta in stagione, che lascia però l'amaro in bocca. "Nel calcio ci sono anche queste partite. Gli episodi non sono stati favorevoli, le due gare di andata e ritorno non ci hanno dato quanto avremmo meritato. Dispiace perché era un obiettivo, ma resta il bel percorso che ci ha visti come protagonisti fino alle semifinale. E soprattutto rimarrà impressa la cornice di pubblico; credo non ci sia mai stato un tutto esaurito al Pionieri". Mentre le altre società sono in 'vacanza', il Real San Basilio è all'opera per progettare il futuro. "La società è già al lavoro. Il direttore Di Lillo sta cercando di portare a San Basilio dei nomi importanti. L'obiettivo è quello di non essere una comparsa, ma disputare un campionato importante e dire la nostra in una categoria superiore".

I volti nuovi

I giocatori importanti citati dal tecnico rossoblù sono già arrivati, in parte, in casa Real San Basilio. Due arrivano dal Grifone: il trequartista Sola, e il centrocampista Borgia, per la difesa è invece stato scelto Valerio Coccia classe 2001 con diverse presenze nel professionismo tra Roma, Pianese e Lecce, oltre a Lorenzo Panattoni, classe 2005 con trascorsi nell'Urbetevere e nella Romulea. 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE