Cerca

La lettera

Michele Gallaccio risponde al presidente del Casal Barriera D'Alonzo

Riceviamo e pubblichiamo la lettera dell'attaccante del Valmontone in risposta al comunicato stampa del numero 1 della società gialloverde

13 Luglio 2022

Michele Gallaccio

Michele Gallaccio durante la presentazione a Valmontone

Riceviamo e pubblichiamo la lettera dell'attaccante del Valmontone in risposta al comunicato stampa del numero 1 della società gialloverde

Caro presidente,

in risposta alle sue dichiarazioni rilasciate in questi giorni sul mio comportamento a detta sua “da mercenario” ci tengo a precisare che, pur comprendendo il vostro dispiacere per l’accordo sfumato, credo si stia esagerando nei termini utilizzati. Sono arrivato alla età di 36 anni e sono una persona stimata da quasi tutto il mondo calcistico laziale e non saranno di certo le sue parole a cambiare quello che ho costruito in questi anni. Le posso garantire che, se avessi pensato ai soldi, non sarei venuto di sicuro a parlare con lei e avrei aspettato prima di stringerle la mano, perché è vero che sia stato proprio così. Però nella vita ci sono altre priorità, ci sono dei doveri morali nei confronti di persone verso cui ognuno di noi ha delle precise responsabilità. Lei dice che io ero al corrente del fatto che si giocasse la domenica pomeriggio, ma questa è una grande bugia perché il suo direttore nelle ultime telefonate mi disse “Io ho dato per scontato che tu lo sapessi” e questo dice tutto. Giocare di pomeriggio implica il non poter vedere mia figlia nè sabato per motivi lavorativi, né domenica per motivi calcistici e sinceramente se preoccuparsi e tutelare la mia vita in termini genitoriali vuol dire essere mercenari credo che lei abbia un idea sbagliata di valori. Oltre il calcio c’è una vita e non c’è contratto che io possa rispettare se non fa felice me o i miei cari e non mi riferisco ai soli termini economici.

Tanto dovevo,

Michele Gallaccio

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE

Dalle altre sezioni