Cerca

l'intervista

Lega Pro, Ghirelli: “Inutile parlare ora di allenamenti”

Il presidente predica calma ai microfoni di Rai Radio 1: “Fin quando non avremo sconfitto il virus non possiamo avere la responsabilità di far tornare i ragazzi in campo”

14 Aprile 2020

Francesco Ghirelli ©lega-pro.com

Francesco Ghirelli ©lega-pro.com

Francesco Ghirelli ©lega-pro.com

C'è chi, in questo momento, spinge forte sull'acceleratore per tornare in campo. Non è di questo opinione Francesco Ghirelli, presidente della Lega Pro che ha rilasciato dichiarazioni chiaree in merito ai microfoni di Zona Cesarini sulle frequenze di Radio 1: “Vorrei tornare a giocare, anche domani, vorrebbe dire che il paese è meno in sofferenza. Mi auguro che le persone che sono andate in giro per l'Italia in questi giorni non abbiano la responsabilità di un nuovo picco nei prossimi giorni”. Il presidente ha poi chiarito la sua idea circa un possibile rientro in campo in tempi brevi: “C'è una catena di comando precisa, autorità scientifiche e sanitarie, Governo, CONI, FIGC e alla fine noi come leghe. C'è però quel maledetto virus che gira per l'Italia e fin quando non lo avremo sconfitto, e non ci sarà un farmaco che ci aiuterà in questo, non possiamo avere la responsabilità di far tornare i ragazzi in campo". La chiusura di Ghirelli è a dir poco eloquente: "Quando la gente sta male e soffre, è necessario stare in silenzio. Siamo lo sport più popolare quindi dobbiamo capire il dolore, evitando che ci siano conflitti e discussioni. Quello che abbiamo fatto in queste settimane, come calcio non ci ha avvicinato troppo alla gente, siamo apparsi spocchiosi: mentre la persone non potevano camminare intorno alle proprie case noi parlavamo di allenamenti".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE

Dalle altre sezioni

Dalle altre sezioni