Cerca

L'intervista

La promozione 2 anni dopo. Tirelli "Rieti è una famiglia"

Giornata di celebrazioni quella di ieri per la formazione amarantoceleste, che con la vittoria di Ostia salutò la Serie D

30 Aprile 2020

Fabrizio Tirelli

Fabrizio Tirelli

Fabrizio Tirelli

Giorni di festa e di ricordi in casa Rieti. Il club amarantoceleste tramite la sua pagina ufficiale Facebook ha coinvolti tanti protagonisti amarantocelesti che il 29 aprile di due anni fa, dopo la partita contro l'Ostiamare pareggiata per 3-3, trovarono la promozione in Serie C. Un assenza nel professionismo che al capoluogo sabino mancava ormai da 11 anni, prima delle due stagioni consecutive, questa compresa, nella terza serie nazionale. Difficile capire quale sarà il suo futuro, con i sabini all'ultimo posto nel girone C, ma in estate i movimenti verso l'alto e verso il basso nel calcio italiano di certo non mancheranno. A ricordare quella storica giornata ci ha pensato Fabrizio Tirelli, il capitano. "Sono passati due anni da quel 29 aprile 2018 quando vincemmo quel campionato a Ostia. Ricordo quella splendida domenica, sicuramente un ricordo bellissimo di tutto quel settore strapieno di tifosi amarantocelesti che ci avevano accompagnato per tutto il campionato. Ma quel giorno la marea fu incredibile, è indelebile il ricordo dei festeggiamenti di fine gara. E anche l'arrivo a piazza Cavour a Rieti, continuata per tutta la notte. Credo che tutti i tifosi del Rieti continueranno a pensare negli anni a quest'emozione incredibile. Io ricordo con tanto affetto lo staff e la squadra, eravamo una famiglia".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE

Dalle altre sezioni