Cerca

L'INTERVISTA

Emiliano Tortolano: "La nuova generazione è diversa"

L’attaccante del Latina di Scudieri si confessa mostrando ottimismo per il futuro

17 Dicembre 2020

Emiliano Tortolano

Emiliano Tortolano esulta dopo un gol

Il Latina si trova nelle zone altissime del girone G di Serie D ed uno dei protagonisti assoluti si chiama Emiliano Tortolano. Tornato nel club nerazzurro, è partito dall’inizio commentando la sosta per i recuperi: “Secondo me è stato giusto recuperare le giornate rinviate per far sì che tutte le squadre abbiano disputato tutte le stesse gare, la soluzione è adeguare il protocollo e ci si sta muovendo in quest’ottica sperando che le modifiche siano sufficienti”. Si sta andando esattamente in questa direzione con modifiche che potrebbero aiutare la Serie D che, fin qui, ha avuto diverse problematiche nello svolgimento regolare del campionato con tanti rinvii e moltissime incertezze in un inizio di stagione dove il Covid-19 sicuramente è riuscito ad essere protagonista assoluto condizionando questi mesi: “Se da inizio stagione ci fosse stato subito l’adeguamento come nei professionisti il campionato sarebbe potuto andare avanti tranquillamente. La soluzione ideale per la LND è quella di una convenzione in tutta Italia a favore delle società così una volta a settimana noi calciatori facciamo i tamponi ad un basso costo così molte società possano andare avanti. Questa sembra essere la strada intrapresa da poco e quindi non possiamo che essere ottimisti verso il prossimo futuro”. Il pensiero vola verso il calcio giocato visto che si vuole cercare di chiudere in ogni modo la stagione 2020/2021 cercando di renderla il più regolare possibile: “Penso che la stagione si debba concludere con l’adeguamento del protocollo. Questa incertezza ci viene sempre a mente perché ovviamente vorresti finire il campionato e svolgere il tuo lavoro al meglio possibile. Per noi il calcio rappresenta la nostra prima attività e se non produciamo purtroppo non percepiamo, abbiamo famiglie e dobbiamo portare il pane a casa”. I problemi sono ovunque, in diverse attività, ma il calcio professionistico ne sta uscendo molto bene con protocolli e regole chiare che stanno permettendo il regolare svolgimento dei campionati a differenza delle categorie “minori” che stanno riscontrando tante problematiche con un lungo stop che sicuramente non risolve ma sospende il problema: “Il mondo del calcio in Italia e come dalle altre parti d’Europa dalla serie A alla serie C ne sta uscendo bene perché loro fanno uno o più controlli alla settimana, non come noi. Spero che in Italia anche a livello economico e sociale potremo tornare ad essere la potenza che eravamo prima con turismo e tutto il resto”. La chiusura verso le giovanili e la scuola calcio che, oltre ad essere coloro che stanno subendo maggiormente la situazione, dovrebbero cambiare abitudini e mentalità: “Sicuramente sono loro i più penalizzati ma è pur vero che adesso è cambiata totalmente la generazione io quando avevo 6/7/8 anni non vedevo l’ora di uscire da scuola per andare a tirare calci ad un pallone ora purtroppo con questi social, smartphone e PlayStation varie non è più così molti giovani basta che hanno uno di queste cose e del pallone non interessa tanto. Quello che posso dire è di lasciar stare queste cose, tornate a giocare con gli amici sotto il parchetto di casa che è molto più divertente”. Idee, pensieri e consigli da parte di Emiliano Tortolano verso coloro che stanno approcciando solo ora allo sport più bello del mondo. Parliamo dei ragazzi che dovrebbero riprendere a giocare, a divertirsi e allo stare all’aria aperta, il più possibile.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE