Cerca

l'intervista

Cassino, Grossi: "E' stata una grande impresa, i meriti sono di tutti"

Le parole del tecnico degli azzurri dopo aver centrato la salvezza nell'ultima sfida in casa contro il Lanusei

25 Maggio 2021

Cassino Grossi

Il tecnico degli azzurri Grossi (Foto ©Cassino)

Lanusei battuto di misura nell'ultima giornata e salvezza centrata. Sandro Grossi e il suo Cassino confermano l'Interregionale, con quattro giornate ď anticipo:

Mister, salvezza matematica: di chi sono i meriti? "Sono di tutta la squadra e della società, che ha scelto sia lo staff tecnico che i giocatori. Perciò siamo tutti coinvolti in questa grande impresa, per una squadra giovane centrare l’obiettivo a quattro giornate dal termine è stato importante".

E’ tornato sulla panchina del Cassino dopo diverso tempo, che emozione è stata ritrovarsi in questa piazza? "Fa sempre un certo effetto ritornare dove si sono vissuti momenti indimenticabili. Le due promozioni dall’Eccellenza alla Serie D e dalla D alla C2, con un titolo regionale vinto e 3 anni di militanza in C2. Ho avuto un esonero da terzo in classifica e ritornare su questa panchina, per me cassinate doc è un’emozione importante, ogni volta che scendo in campo sento molto la partita e voglio vincere per me, per i tifosi e per chi mi ha rivoluto qui".

Il fattore che ha svoltato la stagione? "Ho trovato un gruppo che lo scorso anno aveva fatto bene. Ho riconfermato quasi tutti, sono andati via solo 3-4 giocatori. La squadra che già c’era insieme a 2-3 innesti importanti, mi riferiscono a Lucchese, Picascia e Vitiello. Inoltre abbiamo investito sui giovani scelti da me e dal direttore. Li abbiamo visti e gli abbiamo dato fiducia, devo dire che questi ragazzi hanno risposto alla grande. Alessandro Vitagliano ci ha dato la possibilità di visionarli, però bisognava avere il coraggio di metterli in campo. Personalmente non mi faccio problemi a schierarli, non guardo l’età se un giovane è bravo e valido lo mando in campo". 

Il prossimo anno si punterà a qualcosa in più rispetto alla salvezza? "Con la società non abbiamo ancora avuto modo di incontrarci per programmare il futuro. Sicuramente lo faremo a breve con il Presidente e il direttore per capire quali sono gli obiettivi".

Come giudica la stagione di Vitiello? "Quando me lo hanno proposto veniva da un’annata negativa. Il procuratore che me lo ha proposto è un amico ed ho avuto fiducia in lui. Il ragazzo ha fatto bene, si è subito inserito in questo contesto e secondo me poteva fare molto più gol di quelli che già ha fatto, però merita comunque gli elogi".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE