Cerca

L'intervista

Ostiamare, Lorusso: "Una piazza stimolante, il sogno sono i prof"

Parla l'attaccante biancoviola, autore del gol vittoria nel match di ieri contro il Latte Dolce

09 Dicembre 2021

Lorusso

Ostiamare, Lorusso (Foto ©Torrisi)

Ennesimo colpo esterno da parte dell’Ostia Mare nel girone G del campionato di serie D. Gli uomini di Aldo Gardini hanno espugnato Sassari, battendo il Latte Dolce, grazie ad una rete di uno dei suoi talenti più rappresentativi: Davide Lorusso.
L’ex Trastevere sta crescendo a livello di rendimento: è un buon segnale per il futuro dei bianco viola. "La partita è stata difficile -racconta Lorusso- il terreno di gioco non era in perfette condizioni, il Latte Dolce era alla ricerca di punti pesanti in ottica salvezza ma noi, dopo la sconfitta interna patita per mano del Gladiator, ci siamo compattati, dando un segnale importante, soprattutto a livello caratteriale".
Vittoria di misura, maturata grazie ad una rete siglata da Lorusso: è proprio la stella dei gabbiani a raccontarcela. "Ho ricevuto questa palla in verticale, nel tagliare in progressione ho eluso la difesa sarda, sono arrivato a tu per tu col portiere, ho aperto il piatto ed è andata bene. La rete ci ha dato i tre punti; la dedico al gruppo, a mister Gardini, al diesse Mattiuzzo e alla proprietà che ci è accanto e non ci fa mancare nulla".
Classe 1996, Lorusso è nel pieno del vigore fisico e pronto ad abbracciare definitivamente quella consapevolezza calcistica che proprio alla sua età, solitamente arriva. "Il mio sogno è sempre arrivare nei professionisti: non mollo nulla in tal senso. La serie D vissuta in una piazza come Ostia è ulteriormente stimolante. Vivo per il calcio tutta la settimana anche se siamo dilettanti, di fatto viviamo come se non lo fossimo: ci alleniamo tutti i giorni, curiamo l’alimentazione, affrontiamo lunghe trasferte e ritiri, ci misuriamo con realtà di livello, con piazze illustri del panorama nazionale".
È un girone G difficile che lo stesso Lorusso vede e illustra con estrema curiosità. "Si perché ogni squadra è ben attrezzata e soprattutto ci sono idee di gioco molto diversificate in tutti i team che abbiamo sin qui incontrato. La squadra che più mi ha impressionato è il Giugliano: i numeri la eleggono a migliore del resto: hanno esperienza ma anche molta molta qualità in ogni reparto".
Dopo la gara coi casertani del Gladiator e i sardi del Latte Dolce ecco all’orizzonte la super sfida ai napoletani dell’Afragolese. 
"Un match di prestigio -conclude Lorusso- conosco il loro tecnico Fabiano, ex Turris, così come Longo e Celiento due attaccanti molto forti in forza all’Afragolese. Dovremo giocare la partita perfetta, certe tipologie di gare le decidono i dettagli. Noi cercheremo di sfatare il tabù Anco Marzio anche per la gente di Ostia: lo merita ampiamente".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE