Cerca

dopo gara

Unipomezia, Scardola: "Atteggiamento giusto, dobbiamo mantenerlo fino alla fine"

Le parole del difensore che commenta con soddisfazione la grande prestazione con lo Scandicci, valsa ai rossoblù altri tre punti d’oro

28 Marzo 2022

Scardola

Edoardo Scardola (Foto ©Unipomezia)

Secondo successo consecutivo per l’Unipomezia di Claudio Solimina. Dopo aver ottenuto i tre punti contro il Cannara prima dello stop per il Viareggio, la compagine rossoblù ha concesso il bis sull’ostico campo dello Scandicci. Ieri pomeriggio l’Uni ha giocato una grande partita portando a casa un risultato a dir poco pesante, che la proietta a -1 dalla zona salvezza a nove partite dalla fine. "Siamo contentissimi di come è andata la sfida di ieri – sottolinea Edoardo Scardola -, per come l’abbiamo affrontata e preparata. Sapevamo che sarebbe stata una partita difficile incontrando un avversario che oltre ad essere valido stava attraversando un bel periodo di forma. Noi siamo riusciti a dare continuità all’ottima prestazione con il Cannara ed anche al risultato che avevamo ottenuto. Ieri è stata una gara complicata ed anche molto dispendiosa soprattutto sotto il profilo mentale, ma non ci possiamo permettere di essere stanchi perché dobbiamo disputare un finale di stagione importante per tirarci fuori da questa situazione. Dobbiamo continuare su questa strada e spingere sempre di più per poter raggiungere l’obiettivo che ci siamo prefissati. Non importa adesso contro chi giochiamo ma dobbiamo pensare soltanto a portare via più punti possibili da ogni campo, sia in casa che fuori. Mercoledì ci aspetta una partita complicata, il Badesse sta lottando per i play off e non dobbiamo sbagliare l’approccio mentale che ci ha contraddistinto nelle ultime due gare giocate. Sono sicuro che chiunque scenderà in campo darà il massimo, abbiamo una rosa lunga e lo abbiamo dimostrato proprio nelle recenti prestazioni. Sotto il profilo personale, sicuramente l’obiettivo principale è quello della salvezza con l’Unipomezia. Appena arrivato purtroppo ho subìto un infortunio alla caviglia con l’Arezzo ed ho dovuto saltare quattro sfide in cui mi dispiace non aver potuto dare una mano. Questo è il mio obiettivo, aiutare il gruppo il più possibile per raggiungere quanto prima la salvezza. Lo merita la società e la squadra. Sappiamo che non sarà facile ma da qui alla fine dobbiamo scendere in campo con l’atteggiamento mostrato nelle ultime due uscite".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE