Cerca

L’INTERVISTA

Matteo Bertoldi: "Ostiamare, dobbiamo raggiungere i play off!"

L’esterno offensivo biancoviola tra passato, presente e futuro

28 Aprile 2022

Matteo Bertoldi in azione (Ph. Spadolini)

Matteo Bertoldi in azione (Ph. Spadolini)

Ottavo posto in classifica con 46 punti dopo 29 giornate non era sicuramente l’obiettivo di inizio anno dell’Ostiamare che, in vista del finale, vorrebbe cercare di conquistare i play-off: lo racconta Matteo Bertoldi, arrivato in estate con diversi altri elementi dal Trastevere.

Buonasera Matteo, la vostra stagione fin qui è stata molto altalenante: come mai a tuo avviso non siete riusciti fin qui ad avere costanza? Quali sono le problematiche principali che avete incontrato nonostante in molti avevate già giocato insieme?

"A mio avviso la squadra ha avuto un andamento altalenante poiché oltre ad un gruppo già formato che aveva già giocato insieme vi era una maggioranza di nuovi e tante cose non sono andate nel verso giusto".

Quali sono gli obiettivi che avete da qui a fine anno? La problematica legata all’impianto pensi possa aver influito in qualche modo?

"L’obiettivo sono i play-off e proveremo ad arrivarci a tutti i costi. L’impianto chiuso ha influito ma sicuramente ci dispiace più per i tifosi che non possono venire a tifare l’Ostia, speriamo che nelle ultime giornate questa situazione si possa risolvere".

In carriera quali sono l’allenatore, il compagno di squadra ed il club che non dimenticherai mai? Perché?

"Parlando di allenatori, posso dire che non c’è un preferito perché tutti nel bene e nel male mi hanno lasciato qualcosa e mi hanno insegnato tanto. Ho conosciuto invece compagni di squadra diventati fratelli e amici (come Di Nezza e Bianciardi) con cui mi vedo anche fuori dal campo. Infine il club che occuperà sempre un posto particolare nel cuore è il Cynthia, il mio primo club in serie D, certe emozioni non si dimenticano".

A tuo avviso chi sono il miglior portiere, il miglior difensore, il miglior centrocampista e il miglior attaccante del girone G della Serie D avendo ormai visto tutti?

"Secondo il mio parere: il miglior portiere Salvato (Torres), il miglior difensore è Antonelli (Torres), il miglior centrocampista è Sabelli (Ostia), il miglior attaccante Longo (Afragolese)".

Quale è il sogno nel cassetto di Matteo Bertoldi nel calcio?

"Il sogno più importante è quello di vincere un campionato il prima possibile e salire nuovamente di categoria".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE