Cerca

l'intervista

Nuova Florida, Bussone: "Conosciamo l'Afragolese. Futuro in C? Non c'è meritocrazia"

L'intervista al tecnico dei biancorossi a due giorni dallo storico play off. Parole importanti anche in chiave prossima stagione 

03 Giugno 2022

Bussone

Il tecnico biancorosso, Andrea Bussone (Foto ©Cenci)

Meno due giorni, poco più di quarantotto ore all'inizio dei play off del girone G di Serie D. A rappresentare le laziali ci sarà soltanto il Nuova Florida con i biancorossi che hanno chiuso in seconda posizione alle spalle del Giugliano. Un risultato storico per la società di Ardea che per la prima volta andrà a giocarsi le fasi finali da quando è in Interregionale. E' un traguardo storico anche per il tecnico dei biancorossi, Andrea Bussone che, passo dopo passo, stagione dopo stagione, ha vissuto da protagonista la grande escalation degli ardeatini. "Siamo tutti emozionati - dichiara il mister -, arrivati a questo punto ci teniamo a fare bene. Conosciamo l'Afragolese avendola già incontrata, sappiamo il modo di stare in campo e da dove possono arrivare le situazioni di pericolo, come ad esempio nelle palle inattive. Sappiamo però anche come muoverci e come metterli in difficoltà". Chiudere il campionato al secondo posto sopravanzando diverse squadre partite quantomeno per un piazzamento ai play off è già di per sé un grandissimo risultato. E in alcuni frangenti della stagione anche il Giugliano è stato messo nel mirino: "Siamo abituati a partire senza i favori dei pronostici - prosegue Bussone -. Poi però abbiamo dimostrato di poter competere ai massimi livelli chiudendo davanti a grandi organici come ad esempio quelli di Cynthialbalonga, Ostiamare, Aprilia, Artena o della stessa Torres, che considero una corazzata. Già dalla terza giornata, quando eravamo ancora sullo 0-0, dissi che il Giugliano avrebbe vinto il campionato. Cosa ci è mancato per giocarcela fino alla fine anche con loro? Sarebbe servita qualche soluzione in più a livello di rosa, ma detto ciò il secondo posto resta un grandissimo risultato". Terminati i play off si chiuderà l'ottava stagione in biancorosso per l'allenatore di Tor Marancia, che in chiusura di intervista pone l'accento sul futuro: "Il Nuova Florida è ormai una famiglia. E' ancora presto per parlare di futuro ma a differenza degli altri anni potrebbe stimolarmi anche un'esperienza fuori regione qualora dovesse presentarsi l'opportunità". Anche nel professionismo? "Una cosa che ho imparato in questi anni è che non si viene mai chiamati per meritocrazia. Se vuoi salire di categoria devi conquistartela sul campo, è quello che finora è accaduto a me".  

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE