Cerca

Provinciali

Ottavia, Palma: "Campionato aperto, serve concentrazione"

Il tecnico della formazione biancoblu analizza il percorso sinora compiuto, tra punti di forza ed aspetti da affinare

17 Marzo 2016

L'Ottavia

L'Ottavia

L'Ottavia continua la sua corsa, per ora solitaria, all'interno del girone G. Dopo la sconfitta subita all'esordio con il Sabazia per 2-0, è inizata una cavalcata trionfale, frenata solamente, dopo otto vittorie consecutive, dal pareggio per 1-1 con l'Olimpia. Da allora però, la formazione biancoblu ha superato i suoi record, vincendo 9 partite di fila. Capolista del suo girone a più tre sulla seconda, la SVS Roma, la squadra gode di un ottimo periodo di forma. Ne parliamo con il tecnico Fabrizio Palma, soddisfatto del percorso sinora compiuto: "Nonostante tutto la situazione resta molto aperta. Si tratta di un girone provvisto di valori importanti, quasi tutte le squadre della fascia alta mi hanno fatto una buona impressione. Non solo l'SVS Roma, ma anche il Casalotti e il Sabazia hanno a disposizione alcuni buoni elementi, sanno esprimersi bene sul campo. La nostra squadra? L'Ottavia è un gruppo con caratteristiche L'Ottaviatecniche importanti, abbiamo tre, quattro individualità di grosso spessore. Ci sono delle discontinuità, talvolta: capita che inziamo a a mille per poi calare, ci perdiamo in piccolezze. Ma è, tutto sommato, un difetto normale e comune per l'età. Punto di forza? Nonostante abbiamo una fra le migliori difese del campionato, indicherei la fase offensiva per le nostre individualità." Chiediamo dunque a Palma un'opinione sulla partita più soddisfacente e quella che si è rivelata la delusione più amara da digerire. Tolto il match con il Sabazia, la scelta per la peggior gara ricade sull'Olimpia: "Se nella prima stagionale i miei ragazzi avevano le attenuanti dell'impatto con la categoria, l'ansia dell'avvio e la conoscenza reciproca da affinare, nel match con l'Olimpia abbiamo preso un abbaglio. Eravamo in vantaggio nel primo tempo, poi c'è stato un blackout: abbimo perso due punti importanti, non è stata una prestazione all'altezza. Le vittorie più gradevoli sono state senza dubbio quella con L'SVS Roma, in rimonta, decisiva per la classifica e per il morale, e quella di ritorno con il Sabazia, in cui siamo riusciti a prenderci la rivincita." Il campionato è ancora lungo e resta ancora da disputare lo scontro diretto di ritorno con la seconda forza del campionato: "Dobbiamo fare attenzione alle piccole e mantenere inalterato il nostro ritmo di vittorie. Ma gli scontri diretti, in questo caso possono far la differenza. La mia è una squadra capace di gestire bene le situazioni, con la giusta concentrazione possiamo giocarcela con tutte. Consapevoli di questo, non siamo preoccupati."

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE