Cerca

l'intervista

Il rigore non c'è e lui sbaglia, Nicolò: “Ecco perchè l'ho fatto..."

Giovanissimi Fascia B Provinciali, splendido gesto di fair play di un ragazzo del La Pelota Aprilia che ci racconta come è andata

16 Aprile 2018

La squadra della Fc Aprilia asd La Pelota

La squadra della Fc Aprilia asd La Pelota

La squadra della Fc Aprilia asd La Pelota

E' fresca di stampa la nostra inchiesta “Essere Arbitro”, due pagine che dipingono uno scenario desolante del calcio giovanile e dilettante. Ma è davvero tutto da buttar via? La risposta è no perchè, proprio in questo weekend, si è accesa la luce della speranza. Un piccolo bagliore, partito su un campetto della provincia di Latina, ma che ha finito con l'illuminare un intero movimento. Campionato dei Giovanissimi Fascia B Provinciali, va in scena la partita La Pelota Aprilia - Connect Aprilia con l'arbitro che assegna un calcio di rigore inesistente alla squadra di casa. Sul dischetto va Nicolò Francescotti, 13 anni appena, che sceglie di calciare volontariamente fuori il penalty. Un gesto semplice ma di una forza immensa: “Appena ha dato il rigore non ho detto niente a nessuno, ho preso la palla e sono andato sul dischetto ma avevo già deciso di calciarlo fuori”. Scelta che non è certo passata inosservata visto che poi i complimenti, di compagni e avversari, non sono certo mancati. A Nicolò tutto questo non sembra però importare molto: “Sono arrivati gli applausi ma non è importante, l'avrei fatto anche se non ci fossero stati. Non solo per il fair play, perchè non mi sembrava giusto buttar dentro un rigore che non c'era, ma anche per me stesso perchè questo gesto mi ha reso felice”.


Nicolò, 13 anni, sbaglia volontariamente un rigore che non c'è

Nicolò, tra l'altro, è uno che di gol se intende. Basti pensare che contro la Connect Aprilia ha chiuso la partita con una tripletta, dopo che solo due settimane fa ne aveva segnata un'altra nel big match contro la Polisportiva Carso, capolista che il giovane attaccante ha sbaragliato praticamente da solo visto che la sfida si è chiusa proprio sul 3-0. Già 25 i gol segnati quest'anno nonostante sia solo un classe 2005, e quindi un anno più piccolo rispetto agli avversari. Qualche osservatore sembra essersi già accorto di lui che proprio ieri ha "segnato" il suo gol più bello ma, in fondo, poco importa perchè a vederlo giocare siamo sicuri che non mancherà l'occasione per esultare ancora...

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE