Cerca

l'intervista

Fondi, Cesale: "Non potevo trovare ambiente migliore"

Il neo tecnico dell'under 14 racconta le sue sensazioni sulla società e delle ambizioni per la prossima stagione

08 Ottobre 2020

Fondi, Cesale: "Non potevo trovare ambiente migliore"

Fondi

La nuova, entusiasmante, avventura di mister Andrea Cesale sta per iniziare il prossimo weekend, quando il suo "giovanissimo" Fondi andrà ad affrontare subito una trasferta difficile ma affascinante come quella di Cassino: "Sabato sarà una partita molto bella da giocare perchè ci scontriamo con una società forte con grande tradizione." Sul grado di difficoltà del girone, ecco le parole del tecnico:" Il primo anno nel calcio ad 11 non è facile, ma questo per tutte le squadre quindi non deve essere un alibi, è inevitabile che si dovrà passare per un periodo di adattamento. Non conosciamo gli altri gruppi, lo faremo strada facendo. Però sono sicuro che faremo bene perche questa è una società che lavora in maniera ottima nel settore giovanile. I ragazzi sono stati selezionati appositamente per affrontare un campionato di Elite, quindi di alto livello."  Un percorso non totalmente inedito per Cesale che fino a questo momento ha lavorato in altri settori giovanili, ma nel passato aveva ricoperto le vesti di preparatore dei portieri in squadre di Eccellenza e Promozione:" Ho sempre allenato la categoria dei Giovanissimi perchè l'età mi piace tanto. Sento di avere una grande responsabilità data dal fatto che in questi due anni si forma il giocatore che verrà, sia per quanto riguarda i valori da portare in campo, ma anche dal punto di vista tecnico e tattico." Il Fondi è in continuo divenire, progressivamente si sta muovendo per alzare sempre di più l'asticella, tanto che è riuscita a conquistare l'Elite in varie categorie: "E' il primo anno in questa società ma conoscevo già tutti i dirigenti e tra di noi c'è stima reciproca. Nonostante conoscessi la serietà delle persone che lavorano qui, sono rimasto davvero colpito dall'aria di professionismo che si respira, si fa calcio nel modo giusto. La crescita del ragazzo è una priorità assoluta, è un progetto che ho sposato volentieri. Mi sento davvero fortunato e contento perchè non potevo trovare ambiente migliore per allenare. In questo momento il lavoro principale che dovrò fare è quello di ridare serenità a questi ragazzi dopo questo periodo che gli ha tolto la loro passione maggiore."

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE