Cerca

L'intervista

Lodigiani, Lettieri "L'entusiasmo dei ragazzi non è diminuito"

Quinta stagione in biancorosso per il tecnico che analizza il periodo senza partite per i suoi giovani allievi

03 Gennaio 2021

Giovanni Lettieri

Quinto anno alla Lodigiani per Lettieri (Foto ©Del Gobbo)

Nonostante un gran numero di giovani, in questi mesi particolari, abbia deciso di abbandonare il calcio, tanti hanno scelto di tenere duro e attendere con fiducia la ripresa dei campionati. A raccontare questo difficile momento è stato Giovanni Lettieri, tecnico della Lodigiani: "Allenare qui è un privilegio. Questa per me è la quinta stagione e nonostante le evidenti difficoltà c'è sempre una grande voglia ed un forte senso di responsabilità nei confronti dei ragazzi. Il nostro approccio durante la settimana è sempre lo stesso, quello che ci ha sorpreso in positivo è il loro atteggiamento e la costanza, anche se manca il momento partita, che è parte del processo di crescita in questa fascia d'età. L'entusiasmo dei ragazzi non è mai diminuito, grazie anche al grande lavoro della dirigenza che ha organizzato al meglio la ripartizione degli spazi per tutte le squadre senza far perdere ulteriori ore di allenamento. Grazie poi al lavoro di tutto lo staff, soprattutto del "prof" Colotta, veramente un professionista con il quale collaboro da quest'anno". Addetti ai lavori e atleti sono ormai da tanto tempo chiamati ad un grande sforzo, con la consapevolezza però che il sacrificio comune porterà al risultato sperato: "Ovviamente ci siamo dovuti adeguare, ma abbiamo cercato di affrontare questo momento come un’opportunità invece che come una limitazione, anche se la natura dello sport che pratichiamo richiede un alto tipo di approccio sul campo. È una situazione che ormai dura da troppo e che mi ha dato modo di riflettere sulle cose più importanti della vita che a volte trascuriamo a causa dei ritmi frenetici che dobbiamo tenere. Allo stesso modo, ora c'è l'esigenza di avere certezze per il futuro, soprattutto per i bambini e i ragazzi, che rischiano di subire oltremodo tutto questo". È enorme la voglia di riscatto per un anno che, nonostante ci abbia tolto tanto, non ha saputo frenare la passione per questo sport: "L’auspicio di tutti è quello di tornare a giocare. Ne abbiamo bisogno tutti e spero che la data indicata possa essere confermata a breve. Per quanto riguarda il vaccino, credo sia l'alternativa migliore in questo momento e nonostante ci possano essere dei rischi, vista la velocità con la quale è stato prodotto, non si può pensare ad un lockdown ad oltranza. Lo sport è di fondamentale importanza e a prescindere bisogna trovare la modalità per farlo praticare in sicurezza anche tra i dilettanti e nel settore giovanile"

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE

Dalle altre sezioni

Dalle altre sezioni

Dalle altre sezioni