Cerca

panchine

Atletico 2000, si sogna in grande: l’Under 14 viene affidata a Cesar

Il club biancorosso lancia la scalata ai vertici del calcio regionale e, per la prossima stagione, affida i suoi 2008 al brasiliano

18 Maggio 2021

Atletico 2000 Cesar

Doppio ruolo per Cesar: sarà direttore tecnico e mister dell'U14 (Foto ©Atletico 2000)

La scalata verso le vette più alte del calcio regionale continua e, anzi, si fa ancora più rapida e decisa. L’Atletico 2000, nel comunicare che nella prossima stagione Cesar sarà l’allenatore dell’Under 14, ribadisce la propria volontà di diventare sempre più protagonista nel panorama calcistico giovanile. "Cesar ha davvero tanto da dare – spiega il presidente Alessio Di Curzio - ha grandissima passione e in questi mesi ci siamo resi conto che il suo ruolo in campo è la naturale prosecuzione di quello svolto dal 'Maestro' Tabarretti nella scuola calcio. Siamo convinti che la formazione sia un aspetto fondamentale nel calcio e quindi, più si lavora con ragazzi piccoli d'età e maggiori saranno le possibilità di lasciare un'impronta indelebile nel loro percorso calcistico. La nomina di Cesar come allenatore dell'Under 14 è la soluzione ideale per i nostri giovani che potranno così acquisire un bagaglio tecnico, mentale ed agonistico che si porteranno poi avanti per tutta la loro carriera calcistica". Alle parole del presidente fanno poi eco quelle del brasiliano che, a partire dal prossimo campionato, vestirà dunque non solo le vesti di direttore tecnico ma anche quelle di tecnico dei classe 2008: "Mi preparo a questa nuova sfida con lo spirito giusto, con la voglia di crescere e migliorarmi sempre. Sono felice di poter trasmettere qualcosa a questi ragazzi che avranno per la prima volta nella loro vita la possibilità di confrontarsi su un campo a 11. L'entusiasmo è tanto perché è un gruppo che va spronato ed esplorato perché ci sono dei valori interessanti al suo interno. Gli obiettivi sono gli stessi di quando sono arrivato qui nelle vesti di direttore tecnico. Farli crescere basandoci sul lavoro, sul metodo di allenamento con delle dinamiche importanti indipendentemente dal modulo tattico che useremo. Tutto questo affinché qualora ci fossero delle difficoltà in campo loro possano essere capaci di trovare delle soluzioni in maniera autonoma. L'importante qui è far crescere i nostri ragazzi e ora ho un'occasione in più per farlo da dentro il campo".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE