Cerca

mercato

Gli occhi delle prof sui fratelli Turella: cosa farà l'Urbetevere?

Mattia e Massimo, classe 2007, hanno attirato l'attenzione di diversi club con le loro prestazioni: la palla passa ora alla società gialloblù. E c'è un precedente...

30 Giugno 2021

Urbetever Turella

Urbetevere, i due fratelli Turella in azione: da sinistra, Massimo e Mattia (Foto ©Lori)

Non è una novità che qualche club professionistico bussi in casa Urbetevere per accaparrarsi il giovane talento di turno. Se poi talvolta il "pacchetto" proposto dalla società della famiglia Cicchetti offre due gemelli del gol, allora le cose si fanno davvero molto più interessati. È il caso di Massimo e Mattia Turella, esterni di attacco classe 2007 che in questo scampolo d'annata, avendo di fatto giocato in Under 14 solo qualche torneo (il The Finals ad inizio anno più la Coppa Lazio e la Giardinetti Cup a fine stagione), grazie alle loro prestazioni condite da gol e belle giocate, sono comunque riusciti a suscitare il forte interesse di diverse Prof. Sampdoria, Ternana, Perugia e Benevento hanno infatti palesato il loro gradimento per i due giovani calciatori, con addirittura anche la Roma che starebbe valutando di farli rientrare a Trigoria. L'Urbe nel frattempo si sfrega le mani e riflette sul da farsi. Tenersi i due gioiellini? Cederli entrambi? Oppure dividerli? A breve seguiranno sicuro sviluppi, ma intanto torna alla mente un precedente: quello dei fratelli Marras, i classe 2002 Damiano e Niccolò, che cinque anni fa fecero le fortune del club gialloblù proprio nella categoria Under 14 (allora Giovanissimi Fascia B, ndr), portando in quel della Pisana il primo titolo regionale, ai danni tra l'altro della Lazio. Nella sessione di mercato successiva i due vennero divisi, con Niccolò che passò proprio in biancoceleste mentre Damiano rimase all'Urbe: capiterà lo stesso anche ai Turella? Lo scopriremo solo nei prossimi giorni...

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE

Dalle altre sezioni