Cerca

tdr 2017

Torneo delle Regioni: ecco la Top 11 della fase a gironi

Andiamo a scoprire quali giocatori hanno fatto la differenza nelle tre Rappresentative laziali che hanno centrato la qualificazione ai quarti di finale della kermesse

11 Aprile 2017

La Top 11 mista del CR Lazio della fase a gironi del Torneo delle Regioni

La Top 11 mista del CR Lazio della fase a gironi del Torneo delle Regioni

La fase ai gironi è in archivio e le Rappresentative del Lazio hanno portato a casa un importante bottino. Ben tre squadre (Juniores, Allievi e Giovanissimi) sono riuscite a qualificarsi per i quarti di finale che andranno in scena domani. Ma quali sono stati i giocatori che più ci hanno impressionato in questa prima parte della kermesse? Abbiamo deciso dunque di stilare la nostra Top 11 mista delle tre categorie. Il modulo scelto è un 4-4-2 a rombo di Ancellottiana memoria, che a nostro giudizio calza a pennello in questo schieramento. Questo esalta le qualità di alcuni giocatori come ad esempio Consoli, che dietro le due punte dà il meglio di sé, e Angeli, davanti ad una difesa a quattro classica nei suoi interpreti. Due note: ci siamo permessi di adattare Canciani a interno di centrocampo (ruolo che comunque può svolgere viste le sue capacità) in quanto regista puro esattamente come Angeli; infine abbiamo deciso di preferire Cerroni a Fortuna privilegiando la qualità e la continuità delle prestazioni anziché il peso di una singola giocata (vedi il gol che ha steso la Puglia). Il risultato finale è un undici di assoluto livello, scopriamo insieme!


La Top 11 mista del CR Lazio della fase a gironi del Torneo delle Regioni


Giovanni Scognamiglio (Juniores) Assiste dalla panchina al match d’esordio con il Molise, poi però si prende la scena con Basilicata e Puglia. Gioca bene contro i lucani, ma è con i pugliesi che si esalta: il classe ’98 tira giù la saracinesca nella gara più importante, compiendo diversi interventi notevoli.


Francesco Capogna (Allievi) Il treno della fascia sinistra non si ferma mai. E’ probabilmente uno degli “intoccabili” della squadra, e dopo queste tre partite abbiamo capito il perché. Un giocatore che interpreta davvero molto bene entrambe le fasi di gioco e dà il meglio specialmente in quella di spinta. Se parte palla al piede non lo prendi mai.


Gabriele Macrì (Giovanissimi) E’ il pilastro della retroguardia di Pesci. In campo ha grinta da vendere, gioca con personalità guidando e richiamando i compagni. Non si risparmia mai, lotta su ogni pallone: media voto alta in tutte e tre le partite del girone per l’affidabile centrale difensivo.


Lorenzo Trippa (Juniores) Il massiccio difensore è il leader della difesa di Ippoliti. Dalle sue parti non passa nessuno, inoltre imposta con autorità dalle retrovie. Tiene alta la difesa ed è un giocatore che non ha paura di prendersi responsabilità: le due reti su rigore con Molise e Basilicata sono l’esempio perfetto.


Gabriele Galardi (Giovanissimi) Letteralmente devastante sulla corsia laterale destra. Ha passo, tempi d’inserimento, tecnica palla al piede, calcia bene: in poche parole, un giocatore completo. Propositivo con il Molise, inarrestabile con la Basilicata, a segno su rigore con la Puglia: quando si accende, la partita cambia.


Alessandro De Marchis (Allievi) Di questo giocatore ne abbiamo parlato talmente tanto in questi giorni che a questo punto è difficile aggiungere altro. E’ probabilmente uno dei migliori elementi della rosa di Macidonio e lo sta dimostrando sul campo. Capacità di inserimento come nessuno!


Lorenzo Angeli (Allievi) Il regista di Macidonio tocca una quantità infinita di palloni. Dà respiro alla manovra, possiede un’intelligenza tattica fuori dal comune e ogni azione passa per i suoi piedi. In questa fase a gironi ha messo a segno anche due gol, su calcio di rigore. Personalità da vendere.


Edoardo Canciani (Giovanissimi) Mai una partita sottotono per il capitano della selezione di Pesci. In mezzo al campo gioca con una padronanza ed una tranquillità disarmanti: le sue geometrie fanno girare la squadra alla perfezione. Disputa tre incontri di grande qualità e quantità, entrando di diritto in Top 11.


Alessio Consoli (Giovanissimi) Il folletto della Polisportiva Carso è fondamentale nell’economia collettiva della squadra classe 2002. Tra le linee è una spina nel fianco per le difese avversarie, il suo apporto è enorme. Mette a segno una doppietta stupenda e fondamentale contro la Basilicata


Davide Follo (Allievi) Ormai è soprannominato “Hulk”. Ha un’ottima struttura fisica, unita ad una tecnica davvero notevole. Emblematico il secondo gol messo a segno nella gara con la Puglia nella quale ha saltato due avversari prima di concludere a rete. Occhio al suo mancino…


Samuele Cerroni (Juniores) Il bomber del Civitavecchia fa reparto da solo, un autentico leone in campo contro Basilicata e Puglia. Con i lucani entra a gara in corsa e ribalta il match di potenza con un gol ed un assist; ieri con i pugliesi altra grande prova di sacrificio e forza, con tante palle-gol create.


IL TECNICO

Antonio Macidonio (Allievi) E’ un dato oggettivo. Tre successi in altrettante partite, nove gol fatti e appena due subìti. I 2000 non hanno sbagliato un colpo fin qui e non possiamo che elogiare il tecnico Antonio Macidonio per la mentalità di questa squadra dimostrata fin qui. Bravo, mister!

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE