Cerca

L'INTERVISTA

Campus Eur, Tibuzzi: "La continuità è importante"

Alla luce della vittoria di ieri con l'Atletico 2000 il mister dei bianconeri ha voluto fare il punto della situazione

21 Gennaio 2019

L'abbraccio dei 2004 del Campus prima del match contro l'Atletico 2000 @CampusEur

L'abbraccio dei 2004 del Campus prima del match contro l'Atletico 2000 @CampusEur

L'abbraccio dei 2004 del Campus prima del match contro l'Atletico 2000 @CampusEurUn blue monday questo, che però è tutto meno che triste per il Campus. Se andiamo a fare un bilancio del weekend appena concluso, infatti, si può vedere che il weekend appena concluso è stato ottimo per la società di Lungotevere Dante. Partiamo dalla prima squadra, che dopo un lungo turno di stop è tornata a calcare il rettangolo verde di gioco per la sfida contro il Montalto. Scarfini e i suoi non si sono fatti trovare impreparati e, grazie alla doppietta del solito Bussi e al goal di Pecci, hanno conquistato i tre punti uscendo dal campo forti del loro 3-0. Passiamo poi ai 2005, che sul campo della Sa.Ma.Gor non hanno fatto sconti portando a casa un roboante 6-0. Veramente una prestazione maiuscola quella dei ragazzi di Di Marzio che hanno scatenato la loro furia offensiva e hanno dimostrato la loro solidità difensiva. Domenica amara, invece, per Morezzi e la sua Under17, che in casa perdono con il G.Castello per 0-2. Sembra essersi persa la continuità della prima parte di stagione visti i recenti risultati, continuità che va ritrovata se si vuole continuare a sognare l'Elite. Agrodolce, invece, il sabato per Cervera e i 2003, i quali, sempre al Tobia, pareggiano con i biancorossi del Giardinetti per 2-2. Un magro bottino questo, che comunque rappresenta un buon utile per il proseguo della stagione per entrambe le compagini. Ma passiamo poi ai due risultati più sorprendenti del weekend. Partiamo dalla Juniores, che continua a stupire tutti rivelandosi una vera e propria schiacciasassi. Archiviata la vittoria con la Boreale, sabato Provenzano e i suoi sono andati sul campo del Certosa per affrontare una delle trasferte più insidiose della stagione. Eppure i bianconeri non hanno riscontrato problemi, conquistando una bella vittoria per 3 reti a 1 nei 90 minuti finali  continuando dunque ad essere aggrappati al gruppo di testa. Da sottolineare un Cipriani in grandissima forma, che regala ai suoi compagni  una fantastica tripletta degna di nota. Per finire, match incredibile quello dell'Under 15, che domenica mattina è andata al Catena per affrontare l'Atletico 2000. Dopo aver subito goal gli ospiti hanno dimostrato a tutti di che pasta sono fatti tirando fuori una bella prova di resilienza. Pareggiano infatti i conti con Costanzelli, dopodiché tirano fuori gli artigli nella ripresa imponendosi nella trequarti avversaria, per poi mettere la freccia e sorpassare i biancorossi grazie alla rete di Iattarelli. Un'esplosione di gioia quella del numero 11 bianconero, che tra l'altro rientra nella Rappresentativa del Lazio insieme proprio a Iattarelli. Ecco le considerazioni di mister Leonardo Tibuzzi riguardo questa prova di forza: “I ragazzi sono stati proprio bravi, hanno giocato benissimo soprattutto la seconda parte di gara. La nostra è stata una prestazione corale maiuscola, condita da una partita a dir poco eccelsa dei soliti Costanzelli e Iattarelli”. Proprio su loro dua ha poi voluto aggiungere: “Sono due ragazzi molto maturi e, soprattutto umili. Non si scompongono mai nello spogliatoio e in allenamento e ciò gli fa molto onore, visto che danno sempre il massimo per la squadra. Se stanno in Rappresentativa un motivo ci sarà infatti. In ogni caso ogni tanto dovrebbero avere un pizzico in più di consapevolezza nei loro mezzi e osare, potrebbe uscire fuori veramente il loro potenziale che è enorme”. Ha poi detto quali sono secondo lui le uniche note dolenti al momento: “Spesso nelle partite sbagliamo l'approccio, è successo anche ieri. Rimontare non è sempre facile, dobbiamo scendere in campo con la mentalità giusta sin dal 1'. I ragazzi lo sanno e ci stanno lavorando. Lavoriamo sodo anche per trovare continuità in campionato, la stiamo acquisendo, ma la otterremo un passo alla volta, così come poco a poco abbiamo acquisito fiducia nei nostri mezzi”. Ha poi voluto ringraziare anche la società, che gli è stata vicina anche quando le cose non giravano così bene: “Vorrei far presente e ringraziare Daniele Placido, Nicolas Barani e Gianluca Cervera, che mi sono stati sempre vicini e non mi abbandonano mai. Una società che sta a contatto con la squadra è il presupposto essenziale per crescere e di questo non posso certo lamentarmi”.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE