Cerca

l'intervista

Polisportiva Carso, Rubba: "Si venga incontro alle problematiche dei ragazzi"

Il tecnico dell'Under 15 traccia un bilancio ed esprime le aspettative per il prossimo futuro

10 Aprile 2021

Pol. Carso Rubba

Polisportiva Carso, il tecnico Mauro Rubba (Foto ©Capotosto)

Mauro Rubba, responsabile didattico della scuola calcio e allenatore dell’Under 15 Elite della Polisportiva Carso, ha parlato delle sue impressioni in vista della fine di una stagione che non è stata disputata: "Per scuola calcio e settore giovanile abbiamo mandato del lavoro da fare a casa, anche se ovviamente non è come quello che fanno al campo. Credo che si dovrebbe pensare a venire incontro alle problematiche dei ragazzi: lo sport e la socialità hanno subito un contraccolpo pazzesco, e mi auguro che il prima possibile i giovani possano tornare a fare ciò che è ormai un loro bisogno, più che un semplice divertimento – spiega il mister - Nonostante tutto ringrazio il nostro staff tecnico, che ha proposto molte attività divertenti per tenere i ragazzi attivi, anche se manca l’aspetto situazionale, e siamo ancora molto lontani. Per quanto riguarda l’Under 15 ringrazio i ragazzi che alleno, perché hanno capito la situazione ed a testa bassa si sono messi a fare il lavoro che gli abbiamo dato sapendo che ormai il campionato è finito. La mia speranza è che negli ultimi due mesi si possa fare un torneo o manifestazioni simili, pur mantenendo le misure di sicurezza, ma soprattutto mi auguro che i ragazzi tornino quanto prima a fare attività; noi siamo fortunati per la preparazione ed il livello del nostro staff, un plauso va a Gennaro Del Prete, con cui c’è una profonda amicizia oltre alla collaborazione lavorativa, e che ha strutturato una società modello attraverso la scelta di uno staff molto preparato in tutti i settori, tuttavia, in ogni società, più si va avanti così e più aumenta il rischio dell’abbandono, e per il calcio come per altri sport si saltano delle tappe: ci sono bambini che stanno perdendo dei momenti importanti in apprendimento come il nuoto tra i 5 e 7 anni – conclude Rubba - Il Covid non ci fermerà, vogliamo continuare a fare un lavoro di qualità e stiamo progettando le stagioni future, le famiglie dei nostri ragazzi potranno seguirci con tranquillità, perché sappiamo che il lavoro ben fatto viene prima di tutto".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE