Cerca

l'intervista

Polisportiva Carso, Rubba: "Il campionato sarà un incognita per tutti"

Il tecnico guiderà il gruppo classe 2007 che aveva già seguito in passato

10 Settembre 2021

Mauro Rubba

Mauro Rubba, allenatore della Polisportiva Carso

Mauro Rubba è ormai una delle figure storiche della Polisportiva Carso. Conosce il responsabile Gennaro Del Prete ormai da diverso tempo in questa stagione guiderà il gruppo classe 2007. Una squadra che conosce bene, avendola già seguita in passato, anche se ci saranno diversi volti nuovi all'interno di un'ossatura già ampiamente collaudata "Sono al mio terzo anno con la Polisportiva Carso, collaboro da tempo con Gennaro Del Prete e quindi mi sento a casa. Nella passata stagione guidavo il gruppo 2006, che purtroppo ha potuto disputare solamente due gare. Poi il campionato è stato di nuovo fermato e, fatta eccezione per qualche amichevole non ha potuto fare molto. Insieme alla società abbiamo deciso di proseguire nella stessa categoria, cambiando però, ovviamente, l'età dei ragazzi. Ho allenato questo gruppo già qualche anno fa. Sono rimasti una decina di giocatori che già conoscevo e se ne sono aggiunti dei nuovi, quindi in un certo senso alcune cose saranno più semplici da imparare per loro. Quello che ho visto durante la preparazione è che questi ragazzi hanno tanta voglia di confrontarsi e mettersi in gioco, ma questo credo che sia davvero un sentimento generalizzato. Dopo un anno e mezzo senza calcio questi ragazzi si trovano catapultati dalla categoria Esordienti a quella Giovanissimi senza di fatto aver giocato. Stiamo quindi esplorando le loro caratteristiche ed in questo sono fortunato, perché ho dei ragazzi molto predisposti al sacrificio e al lavoro, che svolgono quattro vole alla settimana. Hanno dei grandi margini di miglioramento e non so dire dove ci collocheremo a fine stagione, anche perché questo campionato sarà un'incognita per tutti. Il nostro obiettivo è quello di confrontarci al meglio con le realtà romane e cercare di ottenere una salvezza tranquilla ma, in primis, vogliamo valorizzare i ragazzi, dando loro la possibilità di potersi eventualmente cimentare con qualche realtà più alta rispetto al dilettantismo"

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE

Dalle altre sezioni