Cerca

L'intervista

Fondi, Cesale: "I miei ragazzi dovranno avere la giusta mentalità"

Il tecnico dei pontini ha parlato della propria squadra e delle proprie impressioni verso l'imminente inizio di campionato

30 Settembre 2021

Cesale ©Fondi

Andrea Cesale, tecnico del Fondi Under 15 (Foto ©Fondi)

Andrea Cesale, tecnico del Fondi, ha parlato del prossimo campionato, tra lavoro di preparazione, dubbi ed ambizioni: "abbiamo iniziato ad allenarci il 23 agosto a Fondi, la prima settimana è andata molto bene, poi il Covid ci ha rallentato, abbiamo avuto 4 casi, ma ora i ragazzi stanno bene e questo è l'importante. Il gruppo è stato tutto confermato, con l'aggiunta di cinque ragazzi di buona esperienza, che hanno migliorato la squadra". Il mister quindi ci ha spiegato come contrastare le difficoltà dovute al lungo stop: "L'anno scorso quello che abbiamo passato noi lo hanno passato tutti, il salto da Esordienti a Under 15 Elite non sarà un alibi, ma ora l'importante è che non ci fermino più. Ci siamo dedicati molto all'aspetto fisico, tecnico e tattico, ma abbiamo dovuto trascurare quello mentale. Forse le romane potrebbero essere più attrezzate da questo punto di vista perché hanno fatto tornei importanti, ma per il resto penso di avere una squadra assolutamente pronta, poi sarà il campo a parlare ed a mostrarci come reagiremo in certe circostanze, è lì che si costruisce la mentalità. In questi campionati si spera sempre di confrontarsi con realtà prestigiose e noi potremo farlo, sono contento a tal proposito di iniziare subito con il Savio, siamo consapevoli che sarà una gara difficilissima, ma capiremo subito il livello della competizione. Vogliamo mantenere la categoria, purtroppo tante squadre del girone non le conosciamo, spesso incontreremo squadre più attrezzate di noi ma non è un problema, dobbiamo renderci conto da subito del tipo di campionato che andremo ad affrontare". Il mister poi non nasconde la stima verso il Fondi: "Sono qui dall'anno scorso ed è come lavorare in una società professionistica, c'è massima serietà, le realtà fuori da Roma sono un po' indietro pe il limitato bacino d'utenza ma lavorando per bene si cresce inevitabilmente. Noi ci concentriamo molto sull'aspetto mentale, ciò che gli insegneremo ora gli rimarrà per tutta la vita. Ovviamente in allenamento si può influire limitatamente, perché poi servono le situazioni di partita, ma bisogna sempre lavorarci perché fa la differenza. Ringrazio le nostre famiglie perché ci affidano i ragazzi diverse ore a settimana, e c'è un forte rapporto di fiducia, mi auguro che si fidino delle scelte che faccio. Sono orgoglioso dei miei giocatori e contento di poter lavorare con tutti loro quest'anno, spero che sia un anno sereno e che possiamo inseguire i nostri obiettivi".

 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE