Cerca

focus

Questa è una Lazio camaleontica: ora Luzardi inizia a sognare...

Cambi di modulo, qualità tecniche e tattiche, determinazione: la formazione biancoceleste sembra riuscire ad adattarsi a qualsiasi situazione

12 Novembre 2018

Lazio Under 15 (©Del Gobbo)

Lazio Under 15 (©Del Gobbo)

Lazio Under 15 (©Del Gobbo)

Una squadra gagliarda, tosta, capace di saper gestire i momenti di difficoltà, cambiare pelle e con calma, stanare il proprio avversario per poi punirlo. La Lazio di Luca Luzardi si sta dimostrando grande, non solo in termini di risultati, ma anche di carattere e personalità, due fattori che se presi e messi al posto giusto insieme, possono solo portare soddisfazioni. E piano piano questa Lazio se le sta togliendo le prime soddisfazioni...

Contro il Sassuolo ieri non è stata per niente una gara facile, anche se erano bastati pochissimi secondi per indirizzarla subito sui binari giusti. Rossi l'ha sbloccata, poi una ventata di sfortuna si è abbattuta sul Melli e in pochi istanti, con l'autogol di Perazzolo e il lampo di Milano, il Sassuolo l'ha ribaltata. È da lì che iniziata un'altra sfida per la formazione di Luzardi, fatta di sacrificio e fatica ma culminata con il sorriso. Un secondo tempo iniziato con un cambio di modulo e dominato con tante occasioni da gol create, trame di gioco fluide e mai superficiali, a dimostrazione che anche a livello tattico, oltre che tecnico, questa Lazio ci sa davvero fare. Interpreti di qualità in tutte le zone del campo, che preferiscono giocare il pallone anziché buttarlo. La doppietta di Rossi e la bellissima girata di Marafini sono solamente il punto esclamativo su un successo meritato e voluto con tutte le forze. Il passo falso di Carpi è stato lasciato alle spalle, adesso la Lazio inizia a mettere paura e pressione lì in alto.

Al termine della sfida del Melli, il tecnico biancoceleste Luca Luzardi, ha commentato così la prestazione dei suoi ragazzi ai microfoni di sslazio.it: "Siamo partiti molto bene, abbiamo organizzato buone azioni mettendo in mostra un ottimo gioco anche in occasione del gol. Poi abbiamo perso delle certezze ed abbiamo incassato il gol del pari a seguito di un contrasto perso. La fiducia è venuta a mancare ed è arrivata anche la seconda rete. Nella ripresa abbiamo variato modulo per sfruttare meglio l’ampiezza del campo e per valorizzare le nostre qualità - continua - una volta raggiunto il pari siamo passati in vantaggio e siamo passati al 3-5-2 perché ci garantiva maggiori sicurezze in fase difensiva. Sono contento dei miei ragazzi che si sono uniti alla Nazionale italiana di categoria ed, in particolare, sono felice che quest’ultimi abbiano ringraziato i compagni di squadra per il raggiungimento di questo traguardo. Nonostante questa prestigiosa convocazione, i ragazzi si sono ben cimentati alla ripresa in campionato". 

Anche il match winner, Matteo Marafini, si espresso al termine della gara: "Ad inizio gara abbiamo cercato con insistenza la conclusione e siamo riusciti a portarci in vantaggio. Per una serie di episodi ci siamo trovati sotto e siamo tornati nello spogliatoio con la sensazione di poter recuperare l’incontro. Così è stato perché a seguito di belle azioni abbiamo pareggiato i conti e poi vinto la gara. C’era felicità nello spogliatoio perché sapevamo di poter centrare quest’obiettivo - racconta - Il mio ruolo? Il mister ci prova in diverse posizioni ed ognuno di noi riesce ad adattarsi a qualsiasi ruolo, l’importante è contribuire alla causa per il bene della squadra”.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE

Dalle altre sezioni