Cerca

under 15

Roma immensa: cade il Napoli e ora è finale Scudetto

Prova da urlo dei giallorossi trascinati da un super Pagano. Cede il passo anche il Napoli che sino a qui non aveva mai perso. Ora Tanrivermis e i suoi si giocano il tricolore con il Milan

10 Giugno 2019

La Roma vola in finale ©DeCesaris

La Roma vola in finale ©DeCesaris

UNDER 15

SEMIFINALE SCUDETTO

NAPOLI – ROMA 0-2

NAPOLI Boffelli, Marchisano, Giannini, Lettera (35'st Salierno), Di Leo, Pontillo (35'st Frulio), Boemio (1'st Gioielli), Flora (24'st De Pasquale), Pesce, Di Palma (1'st Marranzino), Scognamiglio (35'st Spavone) PANCHINA Provitolo, Palmini, Carnevale ALLENATORE Bevilacqua

ROMA Mastrantonio, Missori, D'Alessio L., Faticanti, Catena, Muratori, Koffi (38'st D'Alessio F.), Lilli (22'st Mirimich), Padula 6 (1'st Simone), Pagano, Cherubini (12'st Liburdi) PANCHINA Baldi, Pandimiglio, Pellegrini, Pisilli ALLENATORE Tanrivermis

MARCATORI Pagano 6'pt e 11'pt

ARBITRO Sicuriello di Seregno

ASSISTENTI Cucinotta e Marchese

NOTE Ammoniti Lilli, De Pasquale Angoli 2-6 Rec. 1'pt - 5'st


La Roma vola in finale ©DeCesaris

E' proprio nei momenti cruciali che si vedono i giocatori in grado di fare la differenza. E' proprio qui, nella semifinale scudetto, che la Roma scopre Riccardo Pagano in tutta la sua magnificenza. Il capitano trascina i giallorossi alla finale Scudetto con due perle di rara bellezza che mandano in tilt perfino un Napoli sin qui invincibile. I ragazzi di Bevilacqua hanno dominato la stagione, senza mai perdere, ma hanno dovuto cedere il passo di fronte alla sontuosa prova dei capitolini. Organizzazione, sacrificio e quella giusta dose di maturità e cattiveria hanno permesso alla squadra di Tanrivermis di annullare le scorbutiche individualità degli azzurrini. Oggi la Roma ha vinto da grande squadre e, come tale, si presenta alla finale pronta a giocarsi lo Scudetto con il Milan.


Riccardo Pagano, strepitoso contro il Napoli ©DeCesaris

E' Pagano show Roma e Napoli non fanno complimenti tanto che la semifinale impiega poco ad accendersi. Passano appena 4 minuti e un rinvio di Pontillo diventa un bolide micidiale che Mastrantonio tocca quel tanto che basta per mandare la sfera ad infrangersi sulla traversa. Fuoco di paglia questo però perchè a prendersi la scena con una prepotenza inaudita è Riccardo Pagano. Il capitano prende per mano i giallorossi e annichilisce i campani con un due fiammate incredibili. Al 6' raccoglie al limite dell'area una corta respinta della difesa partenopea, si aggiusta il pallone con il petto e sgancia un bolide di controbalzo che fulmina Boffelli sotto l'incrocio dei pali. Una manciata di minuti e il numero 10 giallorosso concede il bis, stavolta su punizione. Calcio piazzato dai 25 metri, destro potente e preciso che batte un Boffelli stavolta tutt'altro che perfetto. Il Napoli prova a rispondere e, contro una Roma che concede poco, sono i calci piazzati l'arma giusta per colpire. Poco dopo il quarto d'ora, punizione da metà campo palla calciata sul secondo palo da Boemio, Scognamiglio incorna ma la risposta di Mastrantonio è strepitosa. Tanrivermis scuote i suoi che emergono con prepotenza attraverso gioco e fraseggio. Al 20' la Roma prova a sferrare il colpo del definitivo ko. Neanche a dirlo a suonare la carica è uno scatenato Pagano che prima imbecca Koffi, su cui si esalta Boffelli e poi raccolta la ribattuta scarica su Padula. Il numero 9 cerca l'angolino ma trova la pronta risposta dell'estremo difensore partenopeo. La prima frazione si chiude dunque con la Roma in controllo pressoché totale mentre il Napoli, frastornato dall'avvio bruciante dei giallorossi, fatica a rialzarsi con Lettera e Di Palma che stentano ad accendersi in cabina di regia.


Cade anche l'invincibile Napoli All'intervallo Bevilacqua prova a mischiare le carte. Fuori gli spenti fuori gli spenti Di Palma e Boemio, per Gioielli e Marranzino passando così ad un 4-3-1-2. A Marranzino ora il compito di muoversi tra le linee per innescare con maggiore efficacia Scognamiglio (ora più centrale) e soprattutto un Pesce sin qui a corto di palloni giocabili. Con la Roma che ora pensa a gestire energie e pallone, i ritmi si abbassano rispetto ad una prima frazione di gioco frenetica. I giallorossi sono bravi a chiudere gli spazi facendo correre il pallone senza rischiare praticamente nulla. Il Napoli fatica a trovare le contromisure giuste e prosegue dunque nei suoi tentativi su calcio piazzato. Prima Pontillo e poi Flora però non spaventano un Mastrantonio che blinda la porta giallorossa. Neanche Pesce, capocannoniere del Napoli e bomber della nazionale, riesce ad invertire la rotta con Catena che lo guarda a vista e finisce con l'imbrigliarlo alla perfezione. I minuti scorrono veloci con la Roma che ora corre a grandi falcate verso la finale Scudetto. Dopo i cinque di recupero la gioia dei ragazzi di Tanrivermis esplode così in tutta la sua forza. Adesso la Roma è pronta a giocarsi il tricolore, next stop finale scudetto contro il Milan.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE