Cerca

Focus

Frosinone, adesso sei tu al comando. Il capolavoro firmato Alessio Mizzoni

Un'annata magica fino a questo momento in casa ciociara, dovuta al lavoro encomiabile di società e allenatore nel costruire un gruppo forte ed ambizioso

23 Marzo 2022

Alessio Mizzoni, tecnico del Frosinone (Foto ©Cervera)

Alessio Mizzoni, tecnico del Frosinone (Foto ©Cervera)

Una stagione sensazionale fino ad adesso per il Frosinone di Alessio Mizzoni, che avendo espugnato domenica il campo del Lecce si è preso la vetta del girone d, alla pari con Roma e Napoli. I ciociari con il nuovo anno hanno deciso di accelerare ancor di più, divenendo una vera e propria forza dell’intero campionato. Già ad ottobre la vittoria su una Lazio, che in quel momento sembrava maggiormente in forma, aveva fatto capire la forza e la bravura, non solo tecnica, ma soprattutto mentale di questo gruppo, tanto adesso da guardare tutti dall’alto verso il basso. Dopo la sconfitta con la Roma a Trigoria, i ciociari hanno messo in fila sei risultati utili consecutivi, di cui cinque vittorie ed un pari prezioso nel ritorno con la Lazio. Il cammino frusinate ha rasentato la perfezione in questo 2022, tanto da rendere i gialloblu una delle formazioni da battere. Dotati già dal principio di grandi qualità, il lavoro svolto da Mizzoni però è stato encomiabile, facendo crescere a dismisura ogni suo elemento, calcolando il fatto che questo gruppo sia nuovo, creato in estate dalla società. Tra tutti spicca sicuramente Fiorito, il trequartista è stato spesso il trascinatore dei suoi con prestazioni eccelse. Al contempo lo stesso Baptista là davanti ha fatto più volte la differenza, così come Marini in porta o Diodati tra le linee di centrocampo. Nel trionfo di Lecce la scena se l’è presa invece l’ex Tor Tre Teste Caliandro, doppietta d’autore e grande soddisfazione per lui e per l’intera società ciociara visto l’investimento fatto nell’ultimo inverno. Nonostante ciò la forza principale dei gialloblu rimane il collettivo, che gli ha permesso di uscire dai momenti di difficoltà tornando a splendere, sempre cercando di avere le redini del gioco tra le mani. La crescita dei singoli è stata importante, viste anche le frequenti rotazioni fatte dal mister, in un gruppo coeso ed organizzato. Una macchina che pian piano sta diventando sempre più perfetta, ma che nelle prossime settimane capirà il suo vero valore. Difatti dopo la sosta Dolciami e compagni affronteranno prima la Reggina in un match non così semplice, ma poi avranno i due scontri diretti per chiudere il campionato, contro il Napoli in Campania e successivamente ospiteranno la Roma a Ferentino. Sarà senza ombra di dubbio il crocevia principale per la squadra di Mizzoni, che adesso non vuole più arretrare di un centimetro, magari andandosi a prendere qualcosa di magico anche nella post season.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE