Cerca

Focus

Lazio, Formisano ti porta agli ottavi. La crescita dell'aquila sotto l'ala di Gonini

Gol decisivo timbrato, nuova posizione tattica in mezzo al campo con tanto di assetto generale diverso per i capitolini, che ora volano alle fasi finali

03 Maggio 2022

Andrea Formisano

Andrea Formisano (Foto © Cervera)

Una Lazio stupenda quella di domenica scorsa, in grado di tirar fuori il carattere, mostrare gli attributi quando ce n’era un disperato bisogno. I ragazzi di Gonini erano chiamati a vincere in casa del Benevento per centrare l’obiettivo stagionale, ovvero il raggiungimento degli ottavi di finale. Un traguardo fortemente voluto nel match contro gli stregoni, dopo una stagione non sempre perfetta, caratterizzata da alti e bassi, ma che alla fine ha premiato il talento e la grinta di un gruppo pronto ad emergere. Chi tra tutti è sempre riuscito ad essere comunque un elemento di affidabilità e livello all’interno della rosa non può che essere Andrea Formisano. Il classe 2007 ha siglato la rete decisiva contro i giallorossi due giorni fa, ricevendo il giusto premio per il lavoro svolto durante la stagione. Difatti Gonini lo ha utilizzato come esterno destro per quasi l’intero campionato, sfruttando la sua duttilità per impiegarlo sia come terzino, sia alzandolo qualche volta lungo la fascia al fine di rendere l’assetto generale più offensivo, vista comunque l’ottima capacità di spinta di cui dispone, unita anche alla tecnica non indifferente. Nell’ultima di campionato contro i campani, in quello che era a tutti gli effetti un anticipo dei playoff, l’allenatore dei capitolini ha deciso di schierarlo a centrocampo, provando un undici nuovo, caparbio nel portarsi a casa il risultato. Squadra che vince non si cambia diceva qualcuno, e Gonini ha ampiamente rispettato questo dictat, riproponendo la stessa formazione in Campania con Formisano tra le linee. Alla fine il risultato è stato lo stesso, 1-0, con tanto di esultanza una volta arrivato il triplice fischio. Di certo una soddisfazione in più per l’aquila, che dopo esser stato fuori per un periodo in inverno, ed esser partito dalla panchina nelle ultime uscite con Napoli e Roma, è emerso nella settimana decisiva, trascinando la sua Lazio tra le migliori sedici. Uno step chiave per lui, che adesso si rivelerà fondamentale nello scacchiere dei capitolini in questo concitato finale di stagione.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE