Cerca

play off

Il cammino della Lazio finisce qui. Il Monza ribalta l'andata e vola ai quarti

Esce sconfitta dal ritorno degli ottavi di finale la truppa di Gonini, che ci ha comunque sempre provato per tutta la partita

18 Maggio 2022

Simone Gonini

Simone Gonini, tecnico della Lazio (Foto ©Cervera)

Monza-Lazio 3-1

MONZA Vailati, Colombo, Attinasi, Monguzzi, Cardellini, Cogliati, Rossini, Buonaiuto, Carta, Principe (1’st Ballabio), Mout PANCHINA Gerosa, Castelli, Piloni, Mele, Sirtori, Gattuso, Bracesco ALLENATORE Lasalndra

LAZIO Masi, Scuto, Trifelli, Nebuloso, Francioli, Pernaselci (16’st Bongiorno), Mocci, Formisano, Carbone (18’pt Miconi), De Martino (9’st Chiucchiuini), Polito PANCHINA Natale, Bizzarri, Petrone, Fazio, Vernesi, Marsili ALLENATORE Gonini

MARCATORI Carta 17’pt (M), Mout 8’st (M), Scuto 30’st (L), Attinasi 36’st rig. (M)

ARBITRO Livigni di Palermo ASSISTENTI Bergamaschi e Ravelli

NOTE Espulsi Mocci (L) al 3’st, Rossini al 10’st  per somma di ammonizioni (M) e Scuto (L) a partita finita Ammoniti Colombo, Attinasi Rec 5’st

Finisce qui il sogno delle aquile, che dopo aver giocato una gara d’andata straordinaria cadono nel secondo round davanti al Monza, che riscatta la brutta prestazione dell’andata. Al Centro Sportivo Monzello la Lazio ha dalla sua la possibilità sia di pareggio che di vittoria per strappare il pass verso i quarti di finale, ma deve arrendersi a dei biancorossi cinici in grado di ribaltare la questione. Nonostante siano ancora i ragazzi di Gonini a partire meglio tenendo tra i piedi spesso il pallone, al 17’ Attinasi mette nel mezzo una palla interessante dalla sinistra, all’altezza del secondo palo Monguzzi colpisce di testa Masi non è perfetto, non trattenendo il pallone sul quale si avventa Carta. L’attaccante apre il piatto, gonfia la rete portando i suoi avanti. Cinque minuti più tardi ci sono proteste vibranti da parte degli ospiti, su un lancio di Francioli Cardellini è in vantaggio rispetto a Miconi, tocca però male il pallone verso il portiere, che deve intervenire con le mani. Nonostante sia un chiaro retropassaggio volontario l’arbitro opta per non fischiare nulla, concedendo solo calcio d’angolo visto il proseguo dell’azione. Nella ripresa i capitolini sembrano voler cercare il pari in avvio, ma dopo tre minuti le cose si complicano ulteriormente. Mocci entra da dietro su Buonaiuto, il signor Livigni fischia subito estraendo in maniera inaspettata, e forse eccessiva,  un rosso diretto in direzione del numero 7. All’8’ invece Rossini fa correre sulla corsia di destra Carta, l’autore del primo gol regala un cioccolatino da scartare al centro dell’area per Moet, che in estirada trova il colpo vincente, raddoppiando per i suoi. Nonostante ciò i capitolini cominciano a riveder la luce poco più tardi. Rossini reagisce male ad un contatto alzando la gamba su Chiucchiuini, il direttore di gara non se lo lascia sfuggire tirando fuori il secondo cartellino. Quando scocca la mezz’ora i ragazzi di Gonini riaprono il discorso. Trifelli propone un spiovente alto in area, Vailati esce male e sulla palla rimessa in mezzo Francioli svetta di testa per poi trovare il tocco, sempre con la capoccia, di Scuto che dà il giusto effetto alla palla, trovando la rete la rete che offre nuova linfa vitale ai suoi. Adesso ai capitolini mancherebbe un solo gol per andare agli ottavi, ma purtroppo arriva nella porta sbagliata. All’ultimo minuto Castelli innesca Attinasi sulla sinistra, il cross del terzino sbatte sul bracco leggermente largo di Scuto, che l’arbitro punisce con il calcio di rigore. Dagli undici metri si presenta lo stesso Attinasi, bravo nello spiazzare Masi e chiudere definitivamente i giochi. Dopo cinque minuti di recupero i biancorossi possono esultare, mentre le aquile sono costrette ad arrendersi dopo un ottimo doppio confronto disputato. Il campo viene lasciato con un po’ di nervosismo e a farne le spese è Scuto, che si vede sventolare in faccia un cartellino rosso a tempo scaduto.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE