Cerca

LA RUBRICA

La Top 5+1: ecco i migliori 2002 della 6ª giornata

Scopriamo i giocatori ed il tecnico che si sono maggiormente messi in mostra nell'ultima gara di campionato

24 Ottobre 2017

La Top 5+1: ecco i migliori 2002 della 6ª giornata

Come ogni martedì siamo pronti per un nuovo appuntamento con la nostra "Top 5+1 della settimana", la rubrica che premia i cinque classe 2002 e il miglior tecnico dell’ultimo turno del campionato Allievi Fascia B Elite. Chi sono i sei prescelti? Scopriamolo immediatamente!

Image title


De Meo (Albalonga)

Le prime reti non si scordano mai, soprattutto se inizialmente sopra la divisa si ha il fratino dei panchinari. Nessun problema, per De Meo, l'iniziale esclusione dagli undici titolari. Il numero diciotto ex La Selcetta entra e spariglia la partita, aprendo e chiudendo le danze in una gara che conferma l'Albalonga come una squadra da non sottovalutare. Il quattro a zero contro un Certosa rimasto in dieci (rivelatosi fatale per Marazzi) proietta mister Talarico a quota otto punti in campionato, al pari di formaizoni come Lodigiani e Campus Eur. Ora la formazione di Albano Laziale può contare su un'arma letale in più, e non solo dalla panchina. Asso nella manica


Carbone (Accademia Calcio Roma)

Carbone in azione (©Lori)

Una vittoria così rotonda non deve ingannare. L’Accademia di mister Contaldo continua ad andare a sprazzi, ma può contare di trovare  l’equilibrio e la costanza nel proprio capitano, nonché volto storico della società, Carbone. Sua la doppietta che indirizza il match nei binari favorevoli nella sfida contro il Pro Roma: prima punizione magistrale dai venticinque metri, poi insaccata col destro a seguito di un’azione da calcio d’angolo. Numeri e giocate di un ragazzo dal vastissimo repertorio, tanto vasto da far aprire gli occhi al Cagliari. Notizia di oggi, infatti, un provino di Lorenzo per il club sardo. Non possiamo che fargli un grande in bocca al lupo. Lorenzo il magnifico


Giacomini (Ostia Mare)

Giacomini e Martelli esultano (©shotsport)

Se L’Ostia Mare sta iniziando ad ingranare, parte del merito va anche al numero nove Giacomini, autentico protagonista nella partita vinta dai ragazzi di Romani sul sempre ostico campo di Viterbo. In casa della compagine di Cerci sono arrivate risposte positive per i gabbiani, capaci finalmente di spiccare il volo. Volo che ha spiccato Giacomini, andando ad insaccare di testa una palla alta che ha significato tre punti e secondo successo consecutivo in campionato. La risalita è cominciata: il terzo posto è lì a sole due lunghezze. Alpinista.


Marco Zambrini (Montespaccato)

Capitan Zambrini mostra la doppietta al pubblico (©GazReg)

Rientra di diritto nella Top 5 + 1 e lo fa in coincidenza del primo urlo di gioia della 'Marini Gang'. L’inizio di campionato sottotono per il Montespaccato non aveva intaccato le prestazioni dell’ex Urbetevere, autentico trascinatore di un gruppo ancora alla ricerca di una vera e propria quadratura del cerchio. Devastante, il capitano, lo è stato anche contro il Grifone Monteverde: due rigori conquistati, entrambi realizzati e una personalità da vendere al servizio di una tecnica superiore. Ora la classifica, e Marini, possono iniziare a sorridere. Spalle larghe.


Di Profio (Città di Ciampino)

Di Profio (ultimo a destra) con la maglia del Ciampino (©Lori)

Un inizio shock che poteva tagliare le gambe a chiunque. Non però, al Città di Ciampino di mister Maistrello, ormai desideroso e abituato a rimanere più in alto di tutti in classifica. Altezza che raggiunge anche il numero sei Di Profio, centrocampista col vizio del gol della squadra prima in classifica. Sua la doppietta da “alte vette” che permette al Ciampino di sfruttare al meglio la sfida interna contro la Lupa Roma. Il secondo gol, arrivato al trentottesimo del secondo tempo, è un’autentica manna dal cielo per i ragazzi di Maistrello, capaci così di ottenere il quinto successo in sei gare e di allungare in testa. Vietato ora soffrire di vertigini. Condor


IL TECNICO Ripa (Urbetevere)

Mister Luca Ripa (©DelGobbo)

Riesce laddove tutti gli altri avevano fino ad ora fallito. Sconfiggere il Ladispoli, quest’anno, è un vanto che pochi possono sfoggiare. Farlo imponendo il proprio gioco (specialmente nella ripresa) all'Angelo Sale, poi, rende la vittoria dei gialloblù ancora più prestigioca. Quest’Urbetevere ha già dimostrato di poter scendere in campo da favorita contro chiunque. I giusti complimenti vanno ad un mister capace di forgiare un gruppo pesantemente modificato dopo il mercato estivo a causa di partenze e convocazioni dagli Allievi dei ragazzi 2002 (vedi rispettivamente Gazzara e Formiconi/Arcella). La squadra, però, ha un suo quid e anche il nuovo reparto offensivo, con gli innesti di Pansera e Iacoponi, sembra girare alla grande. I favoriti restano loro. Artefice.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE