Cerca

provinciali

Ostiantica, Frisicaro e Casucci: "Vogliamo tornare ad abbracciarci"

I due allenatori dell'Under 16 del club lidense esprimono le loro considerazioni nell'attesa di poter riprendere i campionati

16 Dicembre 2020

Ostiantica Frisicaro Casucci

Gli allenatori dell'Under 16 Frisicaro Casucci (Foto ©Ostiantica)

L’Ostiantica prosegue gli allenamenti in vista della prossima ripresa del campionato cercando di fare sport in sicurezza. L’Under 16, agli ordini dei mister Frisicaro e Casucci, ha le idee molto chiare. Ecco il pensiero dei due tecnici.

Luciano Frisicaro “Nell'organizzazione del settore giovanile non ci siamo mai fermati, abbiamo cercato di tenere sempre i ragazzi sempre pronti per quando si potrà poi ricominciare, anche se non è facile non facendo neanche partitelle. Abbiamo sostenuto sedute di allenamento con esercizi per la maggior parte con la palla per non far passare la voglia ai ragazzi. Penso che la sospensione sia stata giusta, meglio aspettare un pò e poi partire tutti insieme più sicuri, abbiamo visto che anche per i professionisti non è stata facile, figuriamoci per le nostre realtà. Per quanto riguarda l'umore dei ragazzi dobbiamo lavorare non facendogli pesare la mancanza della partita per stimolare sempre la competizione sportiva. Riguardo il mio auspicio spero che finisca presto questo periodo che sicuramente ci ha segnato a noi tutti, sperando che sia stato solo un ostacolo nella nostra vita dove siamo riusciti con sofferenza ad uscirne e non vedo l'ora di poterci abbracciare tutti insieme dopo un gol”.

Gennaro Casucci “Quest'anno sono arrivato ad Ostiantica a settembre, ho trovato un gruppo di direzione ed allenatori molto competenti ed affiatati, mi sono subito reso conto che hanno delle ottime idee per lo sviluppo del settore agonistico. Le nostre sedute sono proseguite badando al rispetto dei protocolli a noi impartiti dalla Federazione. La squadra è un gruppo unito di buon livello con una voglia di apprendere e la giusta determinazione in molti elementi. È stato giusto fermarsi dando comunque la possibilità di fare allenamenti individuali con le distanze giuste così i ragazzi non si sono sentiti abbandonati. La componente con cui è più difficile in questo periodo lavorare è l'umore dei ragazzi, pur capendo la grossa problematica legata al Covid. Hanno voglia di fare una bella partita, la gestione la stiamo facendo parlando tanto con i ragazzi e cercando di variare ogni allenamento tenendo ben presente dove vogliamo arrivare. L'augurio mio è che ne usciamo tutti insieme al più presto possibile, tornando al campo, e quello appunto di poter finalmente iniziare a giocare questo manca a tutti noi”.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE

Dalle altre sezioni