Cerca

Play Off

Ottavia, il sogno continua! Vigor Perconti battuta e finale conquistata

Finisce in trionfo per i biancoblu, che superano di misura il team blaugrana regalandosi l'ultimo atto del campionato

02 Giugno 2022

3a GIORNATA - 02 giugno 2022

Ottavia 1 - 0 Vigor Perconti
Ottavia

L'Ottavia vola in finale (Foto ©DeCesaris)

OTTAVIA Bacchi 7, Finamore 6, Pace 6.5, Cordova 7, Ferri 6.5 (39’st Sole sv), D’Armini 6.5, Perigli 6.5, Carbone 7, Cavalieri 6.5 (44’st Piergentili sv), Borrazzo 6, Portella 6.5 (27’st Moramarco 6) PANCHINA Mafera, Crocianelli, Cecchinelli, Petrillo, Campolmi ALLENATORE Arnese

VIGOR PERCONTI Paloscia 5.5 (18’st Corriere 6.5), Bloise 6 (32’st Di Giammartino 6), Spaccarotella 5.5 (11’st Duracci 5.5), Di Francesco 6, Fiumara 5.5 (18’st De Angelis 6), Federici 5.5 (8’st Berneschi 6.5), Conte 6.5, Lucino 6.5, Sperduti 5.5 (27’st Giulietti 6), Principessa 5.5 (32’st Fortunato 6), Orlandi 6.5 PANCHINA Galasso, Giampaolo ALLENATORE Ruperto

MARCATORI Cordova 18’pt

ARBITRO Stefan di Tivoli 5

NOTE Ammoniti Federici, Paloscia, Principessa, Orlandi Angoli 5-5 Fuorigioco 0-1 Rec 1’pt- 5’st

Si prolunga il viaggio dell’Ottavia, che trionfa di misura nella semifinale andandosi così a prendere la possibilità di far loro il titolo nell’ultimo atto. I biancoblu vincono meritatamente nonostante una grande reazione della Vigor Perconti nel secondo tempo. Il primo squillo arriva dopo otto minuti, con i blaugrana che si rendono pericolosissimi. Fiumara lancia verso l’area di rigore, Lucino anticipa nettamente un Ferri uscito in ritardo, ma una volta entrato in area sbatte sui piedi di Bacchi, facendo sfumare una chance molto ghiotta per sbloccare il punteggio. I ragazzi di Arnese cercano di prendere campo, stappando la contesa grazie ad uno dei loro punti di forza della stagione: i calci da fermo. Dalla bandierina Portella disegna una grande palla all’altezza del secondo palo, i biancoblu svettano, una doppia deviazione indirizza la sfera sulla traversa, ma poi Cordova raccoglie, carica il destro, gonfiando la rete per il vantaggio dei suoi. Sempre da un tiro piazzato arrivano le migliori occasioni, anche se questa volta in favore della compagine di Ruperto. Principessa pesca Federici ben appostato come al solito al vertice dell’area piccola; il centrale fa bene la sponda, Conte riceve vedendosi poi sbarrare la strada da un superlativo Bacchi, protetto anche dalla sua difesa brava successivamente nel chiudere tutto. Dopo ciò l’Ottavia comincia ad allungare le mani sulla contesa, impensierendo Paloscia sempre da situazione di corner. Sullo spiovente Cordova rimette in area per Perigli, l’esterno si coordina bene, calcia di sinistro trovando la presa a terra dell’estremo difensore avversario. Quando soffre però la Vigor tira fuori nuove energie, facendosi vedere davanti. Dopo un bel pertugio creato sulla trequarti, Sperduti viene innescato dentro l’area di rigore, il nove avrebbe lo spazio per mirare la porta, sorvolando però incredibilmente la traversa di Bacchi. Le parole durante l’intervallo di Ruperto sembrano svegliare la Perconti che rientra in campo con un piglio diverso. Neanche il tempo di riprendere e Bloise recupera un pallone in zona offensiva, arrivato al limite conclude raso terra, non angolando abbastanza per superare Bacchi. La fiammata però rischia di rimanere isolata. Difatti prima Portella impegna Paloscia in un parata su un tiro da fuori efficace anche se non stilisticamente perfetta; poi Cavalieri raccoglie dall’angolo successivo, tira cercando il primo palo, sfiorandolo solo di pochi centimetri. All’ottavo Cavalieri controlla bene un pallone dentro l’area, si gira alla grande, ma il suo sinistro è ancora di poco impreciso, mandando la sfera sul fondo. Al Don Orione l’atmosfera comincia a diventare elettrizzante sul campo, degna di una semifinale regionale. Orlandi cerca di trascinarsi sulle spalle i blaugrana, il numero undici semina ogni avversario sulla trequarti, per poi esplodere un destro potente, sul quale Bacchi risponde nuovamente presente. La squadra di Arnese continua a trovare vie aree incontrastabili per gli avversari, Carbone mette sulla testa di Ferri una belle punizione, il capitano anticipa tutti, sfiorando il raddoppio. Sul capovolgimento di fronte Sperduti si libera dalla marcatura di due avversari, prova a piazzare ma una deviazione alza il tentativo in corner. Nei pressi del ventesimo invece Orlandi tiene vivo un possesso sulla destra, crossa al bacio per Sperduti, che sfiora solo l’invito del compagno non riuscendo a griffare di testa il possibile pari. I ragazzi di Ruperto cominciano ad alzare notevolmente il baricentro; al 25’ Lucino mette nel mezzo un cross splendido, Orlandi ci arriva con i tempi giusti, colpisce bene di testa ma solamente il palo gli strozza l’urlo del gol in gola. Neanche il tempo di pensarci che Cavalieri vola lungo l’out di sinistra, brucia due avversari, sceglie di andare con il tocco sotto ma il subentrato Corriere si frappone alla grande con i guanti, opponendosi prima al suo pallonetto, anticipando poi in uscita Borrazzo. Al 36’ invece Giulietti ci prova con una punizione dai venticinque metri, disegna una traiettoria a rientrare, la quale viene deviata in calcio d’angolo. Al primo minuto di recupero Borrazzo controlla alla grande dentro l’area di rigore, lascia andare una grande conclusione che sbatte sulla parte interna della traversa per poi sbattere a terra e venir bloccata da Corriere. La panchina dell’Ottavia si mette le mani tra i capelli, recriminando per il fatto che la palla potesse esser entrata, ma il direttore di gara non la valuta così. Finiti i cinque minuti di recupero può gioire completamente la squadra di Arnese, nonostante un veloce momento di tensione tra le due squadre a centrocampo. I biancoblu volano così in finale, dove si giocheranno il titolo con la Tor Tre Teste.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

# Squadra Punti G V N P GF GS

EDICOLA DIGITALE