Cerca

focus

Roma, addio al sogno ma con una certezza: Nicola Zalewski

Il centrocampista della Roma è stato uno dei migliori contro l’Inter, il più attivo e in grado di rendersi pericoloso: ottimi segnali per il futuro

20 Giugno 2018

Nicola Zalewski (©De Cesaris)

Nicola Zalewski (©De Cesaris)

Nicola Zalewski (©De Cesaris)

Nonostante l’amara eliminazione in semifinale scudetto, al termine di una partita giocata con grinta e determinazione di fronte ad un’ottima Inter, la Roma se ne ritorna a casa con una certezza in più in vista del futuro. Una certezza che risponde al nome di Nicola Zalewski. Italianissimo di nascita, polacco di famiglia, il classe 2002 si è reso protagonista di un finale di stagione in crescendo, che lo ha portato sotto le luci della ribalta e ad essere considerato uno degli uomini più preziosi dello scacchiere di Gianluca Falsini. Un’annata che il centrocampista ha iniziato in quinta marcia, segnando una doppietta al Palermo nella gara d’esordio, alternandosi poi tra presenze da titolare (14), ingressi dalla panchina (9) e gare non disputate (6), post season compresa. 5 le reti totali in stagione, numeri che per un centrocampista non sono neanche così male. Quello che però ha sorpreso in particolare di Zalewski sono la mole di gioco e gli spunti preziosi che è riuscito a mettere in mostra nell’arco di determinate gare, soprattutto durante questa fase finale. Una rete, un assist ed un numero incredibile che poi ha portato al rigore di Milanese nel roboante 2-7 con cui la Roma ha di fatto archiviato i quarti contro la Lazio. Una prestazione solida, di qualità e quantità contro l’Inter nella semifinale di ieri. Stavolta niente gol, niente assist (purtroppo per lui e per i suoi compagni), ma una gara di maturità ed intraprendenza che ha evidenziato l’enorme crescita da parte di Nicola. Le capacità tecniche sono quelle di sempre, soltanto un grande intervento di Stankovic gli ha negato uno splendido gol su calcio di punizione, ora però il gioiellino giallorosso ha aggiunto al suo bagaglio quel mix di sacrificio e propensione ad un lavoro più sporco, che lo rendono più completo e capace di affrontare qualsiasi situazione. Giocatore dal doppio passaporto, ha già esordito nella Nazionale polacca Under 16 (5 le presenze totali, ndr), a dimostrazione che anche da lontano tengono sott’occhio le sue qualità. La Roma è tornata dall’Emilia Romagna delusa, ma con una certezza importante in vista del futuro: Nicola Zalewski è pronto a crescere ancora e a ritagliarsi un ruolo sempre più da protagonista. 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE