Cerca

dopo gara

Lazio, due ko amari che vanno dimenticati in fretta

Fratini, Alboni, Orlandi e De Santis commentano le sconfitte di Under 17 e Under 16 contro Livorno e Sassuolo

12 Novembre 2018

Fratini e Alboni (©GazReg-Del Gobbo)

Fratini e Alboni (©GazReg-Del Gobbo)

Fratini e Alboni (©GazReg-Del Gobbo)

Due sconfitte simili, arrivate praticamente in fotocopia. L'Under 17 e l'Under 16 della Lazio si sono fatte rimontare e sorprendere nel finale di gara rispettivamente da Livorno e Sassuolo. Punti amari lasciati per strada da parte delle formazioni di Fratini ed Alboni: se da una parte i classe 2002 biancocelesti avrebbero dovuro far sicuramente qualcosa in più a discapito di una compagine di livello nettamente inferiore, i classe 2003 invece si sono dovuti arrendere alla rimonta della capolista, dopo gran parte di gara passata in vantaggio. Al termine delle due sfide, alcuni dei protagonisti hanno rilasciato le loro dichiarazioni al portale ufficiale biancoceleste sslazio.it: "La prestazione di oggi non è stata positiva, abbiamo meritato di perdere all’ultimo minuto di gioco - commenta il tecnico dell'Under 17 Fratini - il Livorno ha dimostrato più voglia e più determinazione di noi. Siamo passati in vantaggio nella prima frazione di gioco e ci è mancata la giusta cattiveria per siglare la seconda rete. Nella ripresa non siamo scesi in campo ed abbiamo concesso terreno ed occasioni ai nostri avversari che hanno meritato la vittoria. La gara di oggi è stata la peggiore della mia squadra da quando la alleno: ora dovremo lavorare a testa bassa per fare meglio di oggi".

Parola poi anche al centrocampista classe 2002, Andrea Orlandi: "Non è stata una delle nostre migliori prestazioni con un avversario non particolarmente valido dal punto di vista tecnico, ma tenace e determinato su ogni pallone - commenta - Dovremo lavorare a testa bassa perché quella di oggi era tra le gare più importanti del campionato. Avremmo dovuto raccogliere i tre punti, ma sicuramente torneremo sulla strada giusta".


Passando poi all'Under 16, Marco Alboni dice la sua sul ko incassato tra le mura amiche: "C’è amarezza per la sconfitta di oggi. Abbiamo disputato uno scontro al vertice e ci dispiace essere usciti sconfitti dal confronto. Ci siamo portati in vantaggio e abbiamo gestito la gara riconoscendo il valore dei nostri avversari - continua - Avevamo preparato molto bene la gara, i ragazzi erano molto determinati e focalizzati sull’obiettivo. Dovevamo prestare molta attenzione, ma purtroppo abbiamo incassato la rete del pareggio sugli sviluppi di un calcio d’angolo. La gara stava giungendo al termine ed abbiamo creato una buona occasione con Castigliani, ma la palla è uscita di poco dallo specchio. Nel finale abbiamo incassato una brutta espulsione e, perdendo un difensore come Petrucci, ci siamo dovuti abbassare sostituendo un attaccante per un difensore. A pochi minuti dal termine, in questo modo, abbiamo incassato il gol della sconfitta - racconta con tanto amaro in bocca - la gara di oggi era molto importante per noi, soprattutto per capire se potevamo competere con squadre di alta classifica. Il campo ci stava dando ragione: il pareggio ci avrebbe lasciato dell’amarezza, la sconfitta a maggior ragione. Questa partita ci servirà per crescere sul piano dell’esperienza, ora ripartiremo con la consapevolezza che siamo una squadra d’alta classifica che vanta un buon atteggiamento". 

Anche Mirko De Santis, difensore biancoceleste rientrato finalmente dall'infortunio, ha commentato la partita: "Peccato per il risultato ma sono contento di essere tornato sul terreno di gioco. La prestazione è stata complessivamente discreta, ma considerando le qualità di cui disponiamo potevamo sicuramente fare meglio. Ora dovremo lavorare molto nel corso della settimana per crescere soprattutto sotto il punto di vista mentale e per evitare alcuni errori che sono stati commessi”.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE