Cerca

girone a

Green Club vista secondo posto, Lazio alla ricerca dell'impresa

La squadra allenata da mister Alboni è pronta alla sfida che ci dirà veramente di che pasta sono fatti i biancocelesti

31 Gennaio 2020

Giordano Rossi @DeCesaris

Giordano Rossi @DeCesaris

Giordano Rossi @DeCesaris

Una navigata lunga e pesante, un viaggio fino ad ora al limite della perfezione. Il bel tempo l'ha fatta da padrone, con qualche nube sparsa, ma nulla di serio. In lontananza ora però le condizioni non fanno ben sperare. Una tempesta si sta per abattere al Green Club. Uscirne significherebbe intravedere un tramonto che sarebbe più bello del solito. Una vista surreale, quasi impensabile, ma che diventa più dolce e gustosa dopo aver affrontato le difficoltà. Nella speranza che ci sia un tramonto da playoff dopo la tempesta, la Lazio corre veloce verso la sfida contro il Genoa. Un vero e proprio scontro diretto, una battaglia tra una squadra che si candida ad essere la sorpresa della stagione ed una che invece rappresenta una sicurezza nella categoria. Il Green Club sarà il ring dell'incontro. All'andata una Lazio ancora non consapevole dei propri mezzi e delle proprie capacità perse in rimonta 2-1, succube di una squadra che nei singoli si era dimostrata superiore. Ora però, e la classifica lo impone, i biancocelesti approcceranno alla partita non più con un nulla da pardere, ma con un obiettivo ben definito: il secondo posto. Certo la sconfitta con il Sassuolo della scorsa giornata ha complicato leggermente i piani, ma nulla è stato compromesso. Un passo falso ogni tanto ricorda come nessuna sfida sia facile da affrontare, anche se all'apparenza può sembrare solamente una piccola onda da fronteggiare. Quella che si ritroverà invece di fronte domenica la squadra di Alboni è una tempesta a tutti gli effetti. E in queste condizioni, la calamità più pericolosa potrebbe essere rappresentata da Accornero. L'uomo simbolo del Genoa, che aveva deciso l'andata e che non si esimerà dal voler essere protagonista anche questa volta. Ma la Lazio dalla sua ha il fattore campo, un gruppo solido e compatto e un mister navigato che non si farà sorprendere. Il Genoa è avvertito, i biancocelesti vogliono vedere il tramonto, con il secondo posto in tasca. 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE

Dalle altre sezioni