Cerca

Focus

Lazio, sei bellissima! Ennesimo step di maturità per le aquile in vista del derby

Prestazione esemplare da parte dei biancocelesti, bravi nel sapersi riadattare contro il Napoli, dominando su larga scala il confronto con i partenopei

05 Aprile 2022

Esulta la Lazio

Esulta la Lazio (Foto © Torrisi)

Nel match più atteso di una stagione intera, la Lazio non ha sbagliato nulla, prendendosi una rivincita fortemente voluta ai danni del Napoli. Difatti nella gara d’andata giocata in Campania le aquile di Alboni caddero con il punteggio di 3-2, al netto delle grandi polemiche a gara in corso, condite anche da un ambiente infuocato una volta arrivato il triplice fischio finale. Sabato invece la compagine capitolina ha dimostrato di essere, come se ce ne fosse ancora bisogno, una squadra formidabile, formata da un gruppo che sicuramente avrà molto da dire già nei prossimi mesi, ma anche nelle stagioni future. Contro i partenopei i biancocelesti sono partiti fortissimo, chiudendo ogni spazio possibile e rendendosi pericolosi ogni qual volta trovassero un varco nella trequarti avversaria. Dopo appena diciassette minuti il solito Gelli ha spostato gli equilibri dalla parte dei romani, mentre invece nella ripresa ci ha pensato bomber Serra a chiudere ogni tipo di discorso su un invito delizioso di Paolocci. In generale però quello che maggiormente ha sorpreso è stato l’ennesimo step di maturità di un organico ormai solido, conscio delle sue immense qualità, ma soprattutto pronto in vista dei palcoscenici superiori che lo aspettano nelle prossime settimane. Difatti domenica si vola a Trigoria, in un derby infuocato, potenzialmente decisivo per il primo posto dei biancocelesti, salvo poi affrontare il Benevento e prepararsi in ottica fasi finali. Alboni ormai ha impresso il suo marchio sui calciatori, tanto da potersi permettere anche un cambio di gestione tattica all’interno della gara. Con il Napoli dopo l’arrembante forcing del primo tempo, i capitolini hanno saputo aspettare nei secondi 45’, concedendo poco e nulla, facendo il giusto filtro, ma soprattutto mostrandosi in grado di saper far male anche in situazioni di ripartenza, fino ad essere letali. Di certo tutte componenti che fanno ben sperare, condite dai nuovi innesti (Gningue, Sow) e da giocatori molto migliorati, riscopertisi centrali nel progetto (Ferrari, Stano). Un mix potenzialmente devastante e inarrestabile. La Roma è avvisata.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE