Cerca

provinciali

Roma VIII, Brunetti: "Porto i miei ragazzi nel cuore"

Il tecnico dell'Under 17: "L'unione di questo gruppo è una cosa che non dimenticherò"

02 Aprile 2020

Roberto Brunetti

Roberto Brunetti

Roberto Brunetti

Quando parla dei suoi ragazzi è pieno di orgoglio mister Roberto Brunetti. Il tecnico della Roma VIII ripercorre le orme dei suoi ragazzi ma prima ci tiene ad aprire una parentesi: "Voglio fare i complimenti a tutti gli italiani perchè leggendo gli ultimi dati sembra che la situazione stia migliorando. Segno che stiamo agendo nella maniera giusta, rispettando le regole e rimanendo uniti. Chiaramente mi manca la vita quotidiana, ma dobbiamo continuare così". E poi il momento di parlare del suo gruppo Under 17: "Mi mancano davvero tutti. Ma anche lo staff, i colleghi. Con i ragazzi però c'è un legame particolare. Adesso abbiamo prefissato delle videochiamate. Ogni tanto parliamo per farci due risate, in altre occasioni magari analizziamo la tattica reparto per reparto. Insomma, facciamo quello che possiamo. Peccato per come è arrivato lo stop al campionato, perché ci ha fermato in un momento davvero favorevole, eravamo in grande forma". Abbiamo chiesto al tecnico qualche episodio che porta nel cuore: "In campo non dimenticherò mai la partita di ritorno con il Centocelle. Nonostante il ko immeritato, abbiamo disputato una gara strepitosa. Ma questi ragazzi sono davvero uniti, l'ho visto anche in occasione del gol del pari contro la capolista. Io, i giocatori, anche chi era in panchina, ci siamo abbracciato tutti quanti. Sono scene che porto nel cuore. Extra calcio invece ricordo un gesto della squadra il giorno del funerale di mio nonno. Loro chiaramente non hanno la patente, molti abitano lontano. Eppure fuori alla chiesa erano tutti quanti lì, a supportarmi. Queste sono cose che non si dimenticano".

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Gazzetta Regionale

Caratteri rimanenti: 400

EDICOLA DIGITALE